I Resistenti, con il Sud

Montenero di Bisaccia, 4.8.2012 – Aldo D’Andrea con gli amici di Tonino Di Pietro al campus dell’IdV: “lontani da Vasto, ma ancora più abbracciati all’Italia”.

Posted by Staff su agosto 7, 2012

Lontani da Vasto, ma ancora più abbracciati all’Italia.

 

E’ stato questo il respiro comune della tradizionale “kermesse” dell’IdV, a Montenero di Bisaccia, nella “masseria” di Antonio Di Pietro; se ne coglieva l’aura, lucente, che incombeva nel cielo azzurro e netto.

Ogni anno è così, e si ripete l’evento nel primo sabato di agosto, su quel “pratone” che sta diventando sempre più insufficiente ad accogliere moltitudini di gente italiana, unita dalla voglia di festa e dall’occasione per confrontarsi.

Sì, perché anche lì, tra un piatto e un amichevole sorriso, si parla di politica. Si sa, la foto di Vasto, quella dei tre segretari, Bersani-Di Pietro-Vendola, è in soffitta; le strategie politiche hanno preferito ad una vittoria elettorale certa di quel centrosinistra in Italia, una ipotesi di accordo che è stata denominata enfaticamente di “progressisti-moderati”.

In sostanza, all’immagine di Di Pietro della foto di Vasto, si è sostituita quella di Casini, perché, così come si scrive sui giornali, “Bersani dovrà diventare Presidente del Consiglio e Casini dovrà essere il prossimo Presidente della Repubblica. Sarà pure, ma dal dire al fare, “c’è di mezzo il mare”.

E c’è di mezzo che le politiche di questo governo Monti piacciono sempre meno agli italiani, stando ai sondaggi; c’è di mezzo che la politica del toglier ai poveri per dare ai ricchi sta divenendo sempre più cosa nota e di consapevolezza generale; c’è di mezzo che vi sono forze politiche e movimenti attrezzati a resistere ai giochini di palazzo, e anzi, lontano da questi, impegnati e determinati a sfide politiche propositive, unicamente rivolte alla tutela degli interessi nostri, gente  d’Italia.

Questa è la spinta della politica dell’IdV e del suo leader, Di Pietro, e questa è stata la sensazione, quasi emozione, della festa della “masseria”. L’IdV è isolata? No, perché saremo in compagnia di milioni di cittadini elettori.

Ad essi ci si rivolgerà, dicendo loro che malgrado la raccolta di oltre un milione di firme, la riforma elettorale è bloccata sul “porcellum”; ad essi ci si rivolgerà, perché sia noto che questa politica penalizza i ceti deboli e sottrae loro servizi; si ricorderà il duo Monti-Fornero per la riforma pensionistica e di quella del lavoro, altamente penalizzanti; si stigmatizzerà che piuttosto che imporre una patrimoniale solo sulle grandi proprietà mobiliari ed immobiliari, la si è limitata ai semplici piccoli proprietari.

In sostanza, si ricorderanno le tante cose che hanno tenuto distanti gli interessi della stragrande maggioranza della gente dal Palazzo e dai suoi sostenitori.

Di Pietro e l’IdV sono nel centrosinistra e la politica che ne scaturirà all’indomani delle elezioni sarà chiaramente volta alla difesa e alla tutela dei diritti dei più deboli. Prepariamoci, dunque, alle prossime elezioni generali con lo spirito di servire l’Italia, sperando nel riconoscimento e nella considerazione degli elettori.

Innamorati dell’Italia e del suo popolo.

Aldo D’Andrea, IdV Avellino

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: