I Resistenti, con il Sud

TIRRI RESPONSABILE UFFICIO ELETTORALE, SULLA QUESTIONE DEL PD IRPINO: “il PD è la casa di chiunque vuole starci, se ci si sta, però, ci si sta con le regole che già esistono”

Posted by Staff su novembre 23, 2008

Tirri, le tensioni nel partito da dove si sono generate?

Da un’interpretazione non corrispondente ai principi posti alla base della costruzione del Partito Democratico. Si  adombrano “vecchi schemi” di gestione autarchica che, per la verità, sin da subito sono stati messi fuori della porta dal Coordinatore provinciale Vittoria e poi ci si lamenta della pluralità nei luoghi.

Come sta operando il segretario Vittoria?

La sua idea dell’organizzazione del partito in dipartimenti si sta dimostrando vincente perché sta generando frutti insperati ed inimmaginabili sia per la quantità delle persone che si sono lasciate coinvolgere, sia per le capacità che le medesime esprimono nel partito, sia per i fatti positivi ed importanti prodotti fin qua: sono tanti. Il coordinatore provinciale con la sua  intuizione ha trasformato i non luoghi in luoghi, rendendoli pulsanti: il  fermento della politica. Utilizzando la piattaforma digitale del partito http://www.pdwiki .it chiunque può iscriversi nel dipartimento più corrispondente alla propria vocazione. In tal modo parteciperà attivamente e da protagonista alla vita del partito, un partito non blindato come prima, aperto al contributo di tutti. Iscriversi utilizzando la piattaforma digitale significa entrare a far parte a pieno titolo come componente di diritto del dipartimento scelto. Come si rileva, Franco Vittoria ha puntato sui  protagonismi di chiunque ha voluto e vuole impegnarsi, incentivandoli e vestendoli con l’abito dell’autorevolezza, senza la necessità degli “imprimatur”. Non partecipa, solo chi non vuole partecipare. Ha riempito di contenuti e di sale le azioni e le metodologie,  ha fatto del luogo partito il centro dell’elaborazione, dell’attenzione e della condivisione.

Che pensa dell’assemblea del “De La Ville”?

Mi è parso di capire che tale manifestazione abbia creato ulteriori fratture all’interno del PD. Se così, è stata inopportuna ed inappropriata. La pubblica opinione l’ha letta più come un processo al partito ed alla sua classe dirigente, che come un’iniziativa per aiutarlo a crescere o come occasione per elaborare linee e strategie politiche da offrire al confronto. I luoghi deputati al contraddittorio anche aspro, sono gli organismi di partito che, invece, puntualmente vengono disertati dai bassoliniani. Anche a Benevento pare che i bassoliniani non partecipano. Se così fosse, l’atteggiamento risponderebbe ad una strategia molto più ampia. L’utilizzo  di personaggi, poi,  che, fino a non troppo tempo fa, pur essendo i comandanti della nave appena varata subito l’hanno abbandonata non prima di aver aperto una pericolosa falla sulla sua linea di galleggiamento, ha disegnato il tratto non proprio edificante dell’iniziativa.

L’Ufficio Politico può essere il luogo per riparlarsi dopo tante tensioni maturate in questi mesi?

Me lo auguro. Da cattolico sono pronto a sacrificare il “vitello grasso” per festeggiare il ritorno del figliolo prodigo. L’Ufficio politico così come definito da Venezia è “il caminetto” del PD, il luogo dove confrontarsi per trovare sintesi, non per dividersi. Anche se per me va bene, sarei dell’avviso di andare oltre. Il caminetto è uguale a “luogo ristretto”, mentre credo che noi dobbiamo incominciare a parlare in luoghi aperti, riconosciuti e riconoscibili da tutti. Se fosse possibile, il mio caminetto lo individuerei in un’assemblea provinciale dove tutti possono intervenire, conoscere, anche le critiche e dove ognuno può altresì spiegare le proprie ragioni ed ascoltare le motivazioni.

Cosa direbbe in questo momento ai bassoliniani?

Non ho niente da dire ai bassoliniani e a chi intende catalogarsi all’interno del PD. Voglio rivolgermi ai “Democratici” pensando ad un partito nuovo e non di componenti. È mia intenzione di continuare a lavorare con tutti i disponibili per affermare la missione del PD, quella solennemente presentata da Veltroni ai cittadini italiani nelle primarie del 14 ottobre che ha raccolto un consenso in misura così massiccia. Il PD è la casa di tutti coloro che vogliono starci. È una casa senza porte e senza finestre dove non si è costretti a starci per forza: ognuno entra ed esce quando e se vuole. Se ci si sta, però, ci si sta con le regole che già esistono nel regolamento, nello statuto, nel  codice etico e, nella fattispecie, con quelle previste nell’ordine del giorno approvato all’unanimità nel congresso provinciale irpino, onorate soltanto da Maselli. Chi è democratico non ha bisogno di altre aggettivazioni rappresentanti le storie precedenti. Non ci interessano le componenti. Chi vuole a tutti costi reclamare la sua provenienza dimostra non eccessiva fiducia in se stesso tale da doverla rivendicare ostinatamente piuttosto di applicarla nelle idee e nei comportamenti.

E al segretario provinciale?

Non ho niente da dire al segretario se non che è nel solco dello spirito del Partito Democratico.

Chi sono i candidati ideali per Provincia e Comune?

Dichiarazioni di esponenti autorevoli del PD sui due candidati hanno suscitato allarme e critiche. Il partito ancora non si è espresso. Da una parte si lamenta di voler imporre candidati senza consultazione di chi vuole far parte della coalizione di centro sinistra, dall’altra, si pongono veti sui candidati. La proposta Cicchetti appare condivisibile come metodo. Il PD ha proposto le primarie di coalizione, però, rispetto alla proposta, non si può dire che le primarie non vanno bene sol perché  noi siamo il partito di maggioranza.

bernardino tirri

Annunci

Una Risposta to “TIRRI RESPONSABILE UFFICIO ELETTORALE, SULLA QUESTIONE DEL PD IRPINO: “il PD è la casa di chiunque vuole starci, se ci si sta, però, ci si sta con le regole che già esistono””

  1. Luisa said

    Bravo Bernardino, condivido tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: