I Resistenti, con il Sud

GROTTAMINARDA 11.10.2008 – FESTA PROV.LE PD IRPINO:Mezzogiorno tra crescita economica e fondi europei.

Posted by Staff su ottobre 11, 2008

Intervenuti i segretari provinciali dei sindacati confederati (Cgil-Cisl-Uil), LELLO DE STEFANO dirigente PD irpino e FRANCO MASELLI presidente Alto Calore,conclusioni dell’europarlamentare LOSCO.

Si è aperta con il confronto sulla crescita economica e i fondi europei la terza giornata della festa provinciale del Partito democratico.

A presiedere la tavola, Luigi FAMIGLIETTI (Sindaco di Frigento, Resp. Dipartimento Europa – Pd Provinciale), il quale ha aperto i lavori soffermandosi sul ruolo delle aree deboli, ed il loro ruolo rispetto alle politiche economiche che l’Unione Europea sta promuovendo.

Non è mancato il richiamo alle condizioni delle aree interne, rispetto a quando sta accadendo in termini di competitività nell’ambito del mercato comunitario, che vede sempre più, la Spagna prevalere rispetto all’Italia, ed in particolar modo rispetto ad aree interne come la nostra. Infine, analisi sulle condizioni della politica in provincia di Avellino, ritenuta (Famiglietti) lenta rispetto i processi in atto, e poi, di fatto, ci riteniamo soddisfatto dell’intesa di vedute raggiunta con i sindacati e con CONFINDUSTRIA.

Il segretario Mario Melchionna (CISL), ha annunciato la presentazione della indagine sugli aspetti economici in Irpinia, puntando sui fattori legati alla infrastrutturazione ed al mercato, che auspica siano momenti centrali della conferenza programmatica, alla quale la CISL prenderà parte, per la quale, aggiunge Melchionna, necessità la sinergia tra imprenditori, sindacati, politica e territori, al fine di concentrare le convergenze per lo sviluppo del paese. In sintesi, occorre, unità, competenza, sinergia per raggiungere gli obiettivi comuni.

Sullo sviluppo in valle Ufita è stato sollecitato il segretario provinciale della UIL Antonio FESTA, il quale ha denunciato l’abbandono del mezzogiorno da parte del governo, il quale sta focalizzando i massimi sforzi, come al solito, verso il nord Italia.

Inoltre, ha aggiunto Festa, la situazione economico-finanziaria è abbastanza allarmante in Iprinia alla quale si aggiunge la tragica situazione della discarica del Formicoso, che va ad aggiungersi alle altre già presenti. Infine, la Valle Ufita rappresenta, oggi, la grande possibilità di rilancio in termini di sviluppo, occupazione, nonché, cambiamento radicale delle politiche occupazionali adottate sin ora.

Su quale sia, oggi, il ruolo del sindacato rispetto alla condizione occupazionale giovanile, e quindi alla relativa fuga dei cervelli, che oramai da tempo caratterizza la nostra realtà provinciale, è stata la domanda sottoposta al segretario provinciale della CGIL, Vincenzo Petruzziello.

Il vero problema legato alla condizione occupazionale giovanile oggi è figlia della non collaborazione da parte di questo governo, il quale non si preoccupa assolutamente di dar man forte a noi per debellare l’annoso problema della precarietà, la quale cancella ogni possibilità di prospettiva e di costruzione di futuro per le nuove generazioni.

E poi, continua Petruzziello, l’emigrazione dei cervelli verso il Nord Italia sta desertificando, da anni, i nostri territori. Anche la CISL concorda sul fatto che la piattaforma logistica sia la vera sfida che questa provincia deve saper affrontare per riprendere, l’oramai interrotto processo di rilancio dello sviluppo in Irpinia.

Su quale sia la sfida rispetto a queste tematiche che il Pd irpino deve affrontare, sono state al centro delle riflessioni di Lello De Stefano (dirigente provinciale del Pd), il quale ha esortato il Pd ad immaginare, Avellino, come vera cerniera del mezzogiorno, recuperandone la qualità e le prospettive per lo sviluppo territoriale.

E dunque, ripartendo da ciò che di buono esiste sul territorio, analizzando gli errori commessi nel passato ed utilizzandoli come monito per il futuro.

Quindi, secondo De Stefano, risultano centrali le risorse presenti sul territorio: acqua, energia, rifiuti stessi. Dalle quali risorse generare sviluppo del territorio stesso e non applicando, arbitrariamente, modelli esterni al territorio stesso.

Non è mancato la proposta da parte di Famiglietti, per Ariano Irpino, invitando la città a non lamentarsi per l’ingiustizia subita, in seguito alla cancellazione della propria presenza nella comunità montana, bensì rilanciando il ruolo della città come capofila di una unione più ampia dei comuni della zona.

Complimentandosi con Franco Maselli per l’incarico ottenuto, Famiglietti, ha chiesto quali siano le prospettive e gli obiettivi che attendono l’Alto Calore.

Le riflessioni di Maselli, sono partite dal sottolineare il ruolo strategico della città di Avellino, ma più in generale della provincia tutta, attraverso il PTR, Avellino deve puntare a diventare un polo di eccellenza del sistema universitario e di ricerca dell’intera aree meridionale.

Sulla piattaforma logistica, favorevole la posizione del presidente Maselli, il quale ha esortato, però, a non immaginare la questione come mera infrastruttura logistica, bensì, come un progetto d’ampio respiro per l’intero Mediterraneo che sappia sviluppare nell’area anche tutta una serie di servizi avanzati al sistema produttivo.

Gli unici, secondo Maselli, in grado di produrre nell’immediato risposte, anche di alta specializzazione, alla carenza occupazionale che attanaglia i nostri territori, e dunque, rilanciando la necessità di puntare sulla ricerca e l’alta specializzazione delle future classi dirigenti, ma più in generale, delle politiche di riqualificazione territoriale.

Per quanto riguarda il Pd, il presidente Maselli, si è detto meravigliato di come si cerchi sempre di inquadrarlo sotto i riflettori di una critica incalzante ed ingenerosa.

Il PD, ha sottolineato, è l’unico partito che realmente sta alimentando il dibattito e la proposta politica, in questa provincia, vedi in ultima festa provinciale, considerando che è nato da meno di un anno, e che in questo periodo è stato sollecitato da tutta una serie di appuntamenti elettorali e congressuali, che l’ha visto protagonista, ma che, in buona sostanza, lo ha proiettato ad essere il primo partito di maggioranza relativa in Irpinia, con dei risultati in comparazione regionale, straordinari.

Le conclusioni del dibattito sono toccate all’europarlamentare, Andrea Losco, il quale è partito dal ricordare il suo mandato da presidente della Regione, quando, insieme al governo e alla provincia, presieduta dall’allora presidente Maselli, spinse ed ottenne lo sblocco dei fondi della legge 80, fermi nelle casse del ministero al bilancio da orami venti anni.

Losco, ha ribadito la necessità di ripartire da una nuova classe dirigente che agisca, in termini di programmazione, utilizzando nuove visione dell’agire politico, e che abbandoni la vecchia gestione della cosa pubblica, che da sempre, almeno in questa terra è stata tutta incentrata sulla gestione dei finanziamenti, attraverso i quali gestire il consenso politico.

Inoltre, l’Iprinia, “lo dico da irpino, sono di Torella dei Lombardi” deve assolutamente cogliere a pieno l’opportunità dei fondi strutturali 2007-2013, in quanto ultimo treno per la ripresa del territorio.

Su questo, ha invitato ad abbandonare la concezione che associa ai fondi europei la loro capacità di spesa, senz’altro importante, ma certamente in secondo ordine rispetto alla qualità di quest’ultima.

L’europarlamentare, ha concluso il suo intervento, ribadendo, come il mezzogiorno abbia nel Pd l’unica via di uscita possibile per far fronte all’abbandono, da parte del governo, il quale non è in grado di immaginare nuove politiche, e quindi non assistenzialistiche per il Sud. Infine, Losco, ha sottolineato la necessità di ripartire dalla ricerca e dalla alta formazione nelle aree interne.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: