I Resistenti, con il Sud

GRADUATORIE III FASCIA – CONFERIMENTO SUPPLENZE PERSONALE ATA: ORDINANZA N. 59 DEL 26.06.2008

Pubblicato da Staff su luglio 2, 2008

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Dipartimento per l’istruzione Direzione generale per il personale scolastico

 

DECRETO MINISTERIALE

n. 59 del 26 giugno 2008

 

 

Prot. n. 10834

Graduatorie di terza fascia di circolo e di istituto per il conferimento di supplenze al personale amministrativo, tecnico e ausiliario statale degli istituti e scuole di istruzione primaria, secondaria, degli istituti d’arte, dei licei artistici, delle istituzioni educative e delle scuole speciali statali.

 

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e

della Ricerca

 

VISTA la legge 3.5.1999, n. 124, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale

10.5.1999, n.107;

VISTA la legge 17.5.1999, n.144, art.45 e successive integrazioni e

modificazioni;

 

VISTO il contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale

del comparto scuola per il quadriennio normativo 2006/2009 ,

pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 292,

del 17 dicembre 2007 – Serie Generale ed in particolare l’allegata

Tabella B – Requisiti culturali per l’accesso ai profili professionali del

personale ATA -

 

VISTA l’ipotesi di accordo relativa alla sequenza contrattuale di cui

all’art. 62 del CCNL 29.11.2007 sottoscritta il 25.06.2008 ed in

particolare le modifiche apportate alla citata Tabella B – requisiti

culturali per l’accesso ai profili professionali del personale ATA ;

 

CONSIDERATO che per l’accesso al profilo professionale di

collaboratore scolastico è previsto il possesso del diploma di qualifica

triennale rilasciato da un istituto professionale, diploma di maestro

d’arte, diploma di scuola magistrale per l’infanzia, qualsiasi diploma

di maturità , attestati e/o diplomi di qualifica professionale,

entrambi di durata triennale, rilasciati o riconosciuti dalle Regioni.

 

RITENUTO che non può più applicarsi la particolare procedura di

reclutamento ai sensi dell’art.1, comma 1 lett.b del DPR 30.10.1996, n.

693;

 

PRESO ATTO della necessità di allineare le procedure di reclutamento

per il profilo di collaboratore scolastico agli altri profili professionali

del personale ATA;

 

CONSIDERATO , altresì, la necessità di riformulare le tabelle di

valutazione dei titoli annesse al D.M. 13.12.200, n. 430 in quanto

non può più applicarsi il criterio della valutazione del migliore titolo

di studio tra quelli previsti per l’accesso in virtù dell’unicità del

titolo di studio oggi richiesto;

 

VISTO il Regolamento recante norme sulle modalità di conferimento

delle supplenze al personale amministrativo, tecnico e ausiliario,

adottato con D.M. 13 dicembre 2000, n . 430, registrato alla Corte dei

Conti il 12 gennaio 2001, registro n. 1, foglio n.9;

 

VISTO in particolare, l’art. 8, comma 1, del predetto Regolamento, che

rinvia ad un apposito decreto ministeriale la definizione dei termini e

delle modalità per la presentazione delle domande di inclusione nelle

graduatorie di circolo e di istituto e per la formazione delle

graduatorie medesime;

 

VISTO, altresì, l’art. 5, comma 6 del predetto Regolamento, che

stabilisce una validità triennale delle graduatorie di circolo e di

istituto di terza fascia;

 

VISTO il D.M. 9.06.2005, n. 55, concernente la formulazione delle

graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia relative al triennio

2005/06 , 2006/07 , 2007/08;

 

CONSIDERATO che è necessario impartire nuove disposizioni in

materia di graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia, a seguito

della scadenza temporale delle citate graduatorie ;

 

DECRETA

 

 

Art. 1

Graduatorie di circolo e d’istituto di terza fascia

-Triennio di validità -

 

1.1 - A decorrere dall’a.s. 2008/2009, con riferimento alle istituzioni scolastiche presso le quali è istituito l’organico

concernente i profili professionali di assistente amministrativo, assistente tecnico, cuoco, infermiere, guardarobiere, addetto alle aziende agrarie, collaboratore scolastico sono costituite rispettivamente specifiche graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia, ai sensi dell’ art. 5 del Regolamento, approvato con D.M. 13 dicembre 2000, n. 430, d’ora in poi denominato Regolamento.

 

1.2 - Le nuove graduatorie di circolo e di istituto di terza fasciasostituiscono integralmente quelle vigenti nel triennio scolastico 2005/06, 2006/07, 2007/08 e conservano validità per i periodi stabiliti dall’art. 5, comma 6 del Regolamento. Pertanto le citate graduatorie, formulate ai sensi del presente decreto, hanno validità per il triennio scolastico 2008/09 , 2009/10 , 2010/11 .

 

1.3 - Le graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia sono formulate a cura del Dirigente dell’istituzione scolastica indicata per prima nel modello di domanda. A tale istituzione è affidato il compito di curare lo svolgimento della procedura di cui al presente decreto, con esclusione delle istituzioni scolastiche della regione Valle d’Aosta e delle province autonome di Trento e Bolzano.

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca L’assolvimento di tale compito è soddisfatto da tutte quelle istituzioni scolastiche indicate per prima nel modello di domanda, indipendentemente se nelle stesse citate istituzioni sia o meno istituito l’organico concernente uno o più profili professionali richiesti.

 

1.4 - Tutti i candidati sono inseriti , con riferimento al profilo professionale richiesto, secondo il punteggio complessivo

decrescente calcolato in base all’annessa tabella di valutazione dei titoli ( All. A), con l’indicazione delle eventuali preferenze ( All. B ), nonché dei titoli di accesso ai laboratori per gli assistenti tecnici ( All. C ). Il servizio prestato nelle scuole statali (con contratto a tempo indeterminato o determinato) con rapporto di impiego con gli Enti locali fino al 31.12.1999, viene equiparato, ai fini del punteggio, a quello prestato con rapporto di impiego con lo Stato nel medesimo

profilo professionale o in profilo professionale corrispondente . Nei confronti di tutti i candidati il punteggio per il servizio prestato con rapporto di lavoro a tempo parziale con lo Stato o con gli Enti locali , per tutti i titoli di servizio da valutare ai sensi delle allegate Tabelle di Valutazione, è valutato per intero, secondo i valori espressi nella corrispondente tabella di valutazione dei titoli.

 

1.5 - L’assolvimento degli obblighi derivanti dall’applicazione della legge 19 marzo 1999, n. 68 e dalle altre leggi speciali, che prescrivono riserve di posti in favore di particolari categorie, è interamente soddisfatto in sede di costituzione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato e a tempo determinato, mediante scorrimento delle corrispondenti graduatorie provinciali permanenti, dei corrispondenti elenchi provinciali ad esaurimento e delle graduatorie provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico per le supplenze. Nello scorrimento delle graduatorie di circolo e di istituto non opera, pertanto, alcuna riserva di posti nei riguardi delle categorie beneficiarie delle suddette disposizioni.

 

1.6 - Coloro che conseguono, per il medesimo profilo professionale, l’inserimento nelle graduatorie permanenti per le

assunzioni a tempo indeterminato e/o nella correlata prima fascia delle graduatorie di circolo e di istituto, sono cancellati dalla corrispondente terza fascia delle graduatorie di circolo e di istituto in cui siano già inseriti.

 

1.7 - Le predette graduatorie vengono utilizzate per

l’attribuzione di supplenze , nei casi previsti dagli artt. 1 e 6 del

 

 

 

Regolamento stesso, tenuto conto che gli aspiranti utilmente collocati nelle graduatorie di terza fascia delle istituzioni scolastiche delle province di Trieste e Gorizia, per ottenere la nomina su posti disponibili nelle scuole con insegnamento in lingua slovena, debbono possedere almeno una conoscenza di base della lingua slovena, comprovata dal possesso di un titolo di studio conseguito in una istituzione scolastica con insegnamento in lingua slovena, oppure accertata con apposito colloquio.

 

1.8 - La gestione delle graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia delle istituzioni scolastiche avviene secondo le

disposizioni di cui al Regolamento, integrate dalle disposizioni del presente decreto.

 

Art. 2

Requisiti specifici di accesso alle graduatorie di circolo e

d’istituto di terza fascia

 

 

2.1 - Per essere inseriti nella terza fascia delle graduatorie di circolo e di istituto per il profilo di assistente amministrativo, assistente tecnico, cuoco, infermiere, guardarobiere, addetto alle aziende agrarie e collaboratore scolastico occorre produrre domanda utilizzando l’apposito modello (All. D), secondo le disposizioni di cui ai successivi artt . 3 , 4 e 5.

 

2.2 - Non possono produrre domanda di inserimento e, qualora l’abbiano prodotta, la stessa è da ritenere nulla, fatto salvo quanto previsto al successivo comma 3, coloro che, per il medesimo profilo professionale, sono già inseriti a pieno titolo nelle graduatorie provinciali permanenti per le assunzioni a tempo indeterminato, negli elenchi provinciali ad esaurimento e/o nelle graduatorie provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico per le supplenze annuali o fino al termine delle attività didattiche, nelle correlate graduatorie di istituto di prima o seconda fascia, della stessa o diversa provincia.

 

2.3 – L’aspirante incluso o che, avendone titolo, abbia prodotto domanda di aggiornamento o di inserimento nella graduatoria provinciale permanente di cui all‘art. 554 del D.L.vo 297/94 e/o che sia incluso nell’ elenco provinciale ad esaurimento o graduatoria provinciale ad esaurimento di collaboratore scolastico per uno dei profili professionali di cui al precedente comma 1, nel caso in cui intenda cambiare la provincia può presentare domanda di depennamento dalle citate graduatorie e/o elenco e, contestualmente, domanda di inserimento, per il medesimo profilo professionale oggetto della richiesta di depennamento, nelle graduatorie di circolo e di istituto di 3° fascia di altra provincia (art. 4, comma 2 lett. a) .

 

Qualora l’aspirante sia incluso, nella stessa provincia, in più graduatorie provinciali permanenti e/o in più elenchi provinciali ad esaurimento e/o nella graduatoria provinciale ad esaurimento di collaboratore scolastico, per più profili professionali di cui al precedente comma 1, deve presentare domanda di depennamento per ogni profilo per il quale risulti inserito nelle citate graduatorie e/o elenchi, stante l’obbligo di inserimento nelle graduatorie di una sola provincia (art.4, comma 2 lett. b e c).

 

 Ai fini predetti l’aspirante dovrà esplicitamente dichiarare la propria volontà, compilando l’apposito modulo di richiesta di depennamento ( All. D1), e segnalare, altresì, nella sezione “ L “ del modello di domanda di inserimento nelle graduatorie di circolo e di istituto di 3° fascia ( All. D), di aver presentato domanda di depennamento dalle graduatorie provinciali permanenti e/o dagli elenchi provinciali ad esaurimento e/o dalle graduatorie provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico di diversa provincia.

 

L’istanza di depennamento determinerà la cancellazione, a partire dal 1° settembre dell’anno scolastico 2008/09, dalle graduatorie provinciali permanenti o dagli elenchi provinciali ad esaurimento o dalle graduatorie provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico e da quelle correlate di circolo e di istituto relative a tutti i profili professionali richiesti e di precedente inclusione nella provincia in cui è stato richiesto il depennamento.

 

La domanda di depennamento ( All. D1 ), sottoscritta dall’aspirante, va inviata all’ Ufficio Scolastico Provinciale della provincia nelle cui graduatorie lo stesso è inserito, con le modalità e termini indicati al successivo art. 4 .

La domanda di depennamento ( All. D1 ), unica per tutti i profili professionali richiesti, deve essere presentata dall’ aspirante per tutte le graduatorie provinciali permanenti o elenchi provinciali ad esaurimento o graduatoria provinciale ad esaurimento di collaboratore scolastico relativi ai profili professionali di inclusione dai quali, avendone titolo, intende essere depennato .

 

 

2.4 – Ai sensi dell’art. 5, comma 3 del Regolamento hanno titolo all’inclusione nella terza fascia delle graduatorie di circolo e d’istituto gli aspiranti forniti del titolo di studio valido per l’accesso al profilo professionale richiesto.

 

2.5 - I titoli di studio per l’ accesso ai profili professionali di cui all’art.1, comma 1, fatto salvo quanto previsto dai successivi commi 6, 8 e 10, sono quelli ridefiniti dall’ipotesi di accordo , sottoscritta il 28.05.2008, relativa alla sequenza contrattuale di cui all’art. 62 del CCNL del comparto scuola per il quadriennio normativo 2006-2009 e

di seguito indicati per ciascun profilo professionale:

 

A ) – Assistente Amministrativo :

 

1 – Diploma di maturità .

 

B ) – Assistente Tecnico :

 

1 – Diploma di maturità corrispondente alla specifica area

professionale .

Le specificità di cui al punto 1 sono quelle definite, limitativamente

ai diplomi di maturità, dalla tabella di corrispondenza titoli -

laboratori vigente entro il termine di presentazione della domanda.

(All. C ).

 

C ) – Cuoco :

 

1 – Diploma di qualifica professionale di Operatore dei servizi di

ristorazione, settore cucina.

 

D ) – Infermiere :

 

1 – Laurea in scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido

dalla vigente normativa per l’esercizio della professione di

infermiere.

 

E ) – Guardarobiere :

 

1 – Diploma di qualifica professionale di Operatore della moda.

 

F ) – Addetto alle aziende agrarie :

– Diploma di qualifica professionale di :

1- operatore agrituristico;

2- operatore agro industriale;

3- operatore agro ambientale.

 

G ) – Collaboratore Scolastico :

 

1 – diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale, diploma di maestro d’arte, diploma di scuola

magistrale per l’infanzia, qualsiasi diploma di maturità, attestati e/o diplomi di qualifica professionale, entrambi di durata triennale, rilasciati o riconosciuti dalle Regioni.

 

2.6 – Per coloro che sono inseriti nelle graduatorie di circolo e di istituto di 3 fascia vigenti nel triennio scolastico

2005/06,2006/07,2007/08 , di cui al D.M. 9.06.2005, n. 55, restano validi, ai fini dell’ammissione per il medesimo profilo professionale, i titoli di studio in base ai quali avevano conseguito a pieno titolo l’inserimento in tali graduatorie.

 

 

2.7 – Hanno titolo all’inclusione nella terza fascia delle graduatorie di circolo e di istituto gli aspiranti che, fatto salvo quanto previsto dal precedente comma 3, siano già inseriti nelle graduatorie provinciali permanenti di cui all’art. 554 del D.Lvo 297/94 o negli elenchi provinciali ad esaurimento o nelle graduatorie provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico corrispondenti al profilo richiesto.

 

2.8 – Ai fini del precedente comma 7 sono validi i titoli di studio richiesti dall’ordinamento vigente all’epoca dell’inserimento nelle predette graduatorie e/o elenchi.

 

2.9 – Hanno titolo, altresì, all’inclusione nella terza fascia delle graduatorie di circolo e di istituto gli aspiranti che abbiano prestato almeno 30 giorni di servizio, anche non continuativi, in posti corrispondenti al profilo professionale richiesto. Si computa unicamente il servizio effettivo prestato in scuole statali con rapporto di impiego a tempo determinato direttamente con lo Stato o il servizio scolastico prestato con rapporto di impiego a tempo determinato, con esclusione del servizio prestato nelle istituzioni scolastiche della regione Valle d’Aosta e delle province autonome di Trento e Bolzano, direttamente con gli Enti Locali i quali erano tenuti per legge a fornire, fino al 31.12.1999, alle scuole

statali personale A.T.A. La corrispondenza tra profili professionali degli Enti Locali e del personale A.T.A. della scuola è individuata, in termini sostanziali, in relazione ai profili formalmente attribuiti agli interessati e dagli stessi svolti, semprechè detti profili siano presenti nelle istituzioni scolastiche statali cui gli Enti Locali erano tenuti a fornire personale ( D.M. 23.7.1999, n. 184 – art.6 – comma 1), in base alla tabella di corrispondenza, applicativa del criterio suindicato e definita nell’accordo ARAN/OO.SS del 20.7.2000, tabella annessa alla O.M. 30.12.2004, n. 91 (All. H) .

Il servizio prestato con rapporto di lavoro a tempo parziale si computa per intero.

 

2.10 – Ai fini di cui al precedente comma 9 sono validi i titoli di studio, in base ai quali legittimamente è stato prestato il servizio richiesto, previsti dall’ordinamento all’epoca vigente .

 

2.11 – Gli aspiranti già inclusi, a pieno titolo, nelle graduatorie di cui ai precedenti commi 6 e 7 o che abbiano prestato almeno 30 giorni di servizio, anche non continuativi, con particolare riferimento al profilo di assistente tecnico, conservano l’accesso esclusivamente alle aree di precedente inclusione o del relativo servizio. Gli stessi, inoltre, possono far valere, per l’accesso ad altre aree, eventuali titoli di studio diversi purchè compresi tra quelli indicati al precedente comma 5, lett. B, ovvero diploma di maturità corrispondente alla specifica area professionale. Gli attestati di qualifica rilasciati ai sensi dell’art. 14 della legge n. 845/78, validi per l’accesso ai profili professionali del personale ATA di cui al precedente ordinamento , devono essere rilasciati al termine di un corso strutturato sulla base degli insegnamenti tecnico-scientifici impartiti nel corrispondente corso statale (diploma di qualifica rilasciato dagli istituti

professionali statali). Ai fini della valutazione di tale corrispondenza, l’attestato deve essere integrato da idonea certificazione comprovante le materie comprese nel piano di studi.

 

2.12 – I titoli di studio conseguiti all’estero sono validi, ai fini dell’accesso, solo se siano stati dichiarati equipollenti, ovvero con riserva nelle more dell’equipollenza, ai sensi della normativa attualmente vigente, al corrispondente titolo italiano e, ai fini dell’attribuzione del punteggio come altri titoli di cui alla lettera A delle tabelle di valutazione annesse al presente decreto, se siano debitamente tradotti e certificati dalla competente Autorità Diplomatica italiana.

 

2.13 – I requisiti ed i titoli valutabili ai fini del presente decreto devono essere posseduti alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda di ammissione alla procedura in esame.

Art. 3

 

Requisiti generali di ammissione

 

3.1 - Gli aspiranti, oltre che dei requisiti specifici di cui al precedente art. 2, devono essere in possesso, alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda, dei seguenti requisiti generali di accesso al pubblico impiego:

 

a) - cittadinanza italiana (sono equiparati ai cittadini gli italiani

non appartenenti alla Repubblica), ovvero cittadinanza di uno

degli Stati membri dell’Unione Europea;

 

b) - età non inferiore ad anni 18 e non superiore ad anni 65 (età

prevista per il collocamento a riposo d’ufficio);

 

c) - godimento dei diritti politici, tenuto anche conto di quanto

disposto dalla legge 18.1.1992, n. 16, recante norme in materia di

elezioni e nomine presso le regioni e gli enti locali;

 

d) - idoneità fisica all’impiego, tenuto conto anche delle norme

di tutela contenute nell’art. 22 della legge n. 104/1992, che

l’Amministrazione ha facoltà di accertare mediante visita sanitaria

di controllo nei confronti di coloro che si collochino in posizione

utile per il conferimento dei posti;

 

e) - per i cittadini italiani soggetti all’obbligo di leva, posizione

regolare nei confronti di tale obbligo (art. 2 – comma 4 – D.P.R.

693/1996).

 

3.2 - Ai sensi dell’art. 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 7.2.1994, n. 174, i cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea devono, inoltre, possedere i seguenti requisiti:

 

a) - godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di

appartenenza o di provenienza;

 

b) - essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della

cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini

della Repubblica;

 

c) - avere adeguata conoscenza della lingua italiana, accertata

al momento dell’equipollenza del titolo di studio.

 

3.3 - Non possono partecipare alla procedura in esame:

 

a) - coloro che siano esclusi dall’elettorato attivo politico;

 

b) - coloro che siano stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento;

 

c) - coloro che siano stati dichiarati decaduti da un impiego presso la Pubblica Amministrazione, per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile o siano incorsi nelle sanzioni disciplinari previste dai vigenti contratti collettivi nazionali (licenziamento con preavviso e licenziamento senza preavviso);

 

d) - coloro che si trovino in una delle condizioni ostative di cui alla legge 18.1.1992, n. 16;

 

e) - coloro che siano temporaneamente inabilitati o interdetti, per il periodo di durata dell’inabilità o dell’interdizione;

 

f) - i dipendenti dello stato o di enti pubblici collocati a riposo

in applicazione di disposizioni di carattere transitorio o speciale.

 

Art. 4

Termini di presentazione della domanda di inserimento

 

-Autorità Scolastica cui produrre la domanda-

 

4.1 – La domanda di inserimento (All. D) nelle graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia deve essere prodotta entro il termine perentorio di 30 giorni a decorrere dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’avviso dell’avvenuta emanazione del presente decreto. L’avviso di pubblicazione ed il presente decreto saranno tempestivamente affissi all’albo degli Uffici scolastici regionali, all’albo degli Uffici Scolastici Provinciali di ciascuna provincia e, contestualmente, all’albo di ciascuna istituzione scolastica statale per tutto il tempo utile per la presentazione della domanda.

 

4.2 – La domanda di inserimento deve essere prodotta per non più di 30 istituzioni scolastiche appartenenti alla medesima provincia individuata nell’ordine che segue:

 

a) – a scelta del candidato, nel caso in cui non sia già inserito nelle graduatorie provinciali permanenti, negli elenchi provinciali ad esaurimento, nelle graduatorie provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico, nelle correlate graduatorie di circolo e d’istituto di prima o seconda fascia del medesimo o di altro profilo professionale richiesto, di alcuna provincia ;

 

b) - nella provincia nella cui graduatoria permanente per le assunzioni a tempo indeterminato di altro profilo professionale, sia eventualmente inserito;

c) - nella provincia nel cui elenco provinciale ad esaurimento o nella cui graduatoria provinciale ad esaurimento di collaboratore scolastico per le supplenze annuali di altro profilo professionale, sia eventualmente inserito;

 

d) – a scelta del candidato, nel caso in cui sia già inserito nelle graduatorie provinciali permanenti ed abbia, per il medesimo profilo professionale, presentato domanda di depennamento;

 

e) – a scelta del candidato, nel caso in cui sia già inserito negli elenchi provinciali ad esaurimento o nelle graduatorie provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico ed abbia, per il medesimo profilo professionale, presentato domanda di depennamento ;

 

f) – a scelta del candidato, nel caso in cui sia già inserito nelle graduatorie di circolo e di istituto di 3 fascia vigenti nel triennio scolastico 2005/06,2006/07,2007/08 per il medesimo o altro profilo

professionale richiesto ;

 

g) – a scelta del candidato, nel caso in cui abbia prestato almeno 30 giorni di servizio anche non continuativi , in posti corrispondenti al profilo professionale richiesto e non sia già inserito nelle graduatorie provinciali permanenti, negli elenchi provinciali ad esaurimento, nelle graduatorie provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico, nelle correlate graduatorie di circolo e d’istituto di prima o seconda fascia per il medesimo profilo professionale richiesto di alcuna provincia.

 

4.3 - In tutti i casi di cui al comma precedente, la domanda di inserimento deve essere inoltrata all’istituzione scolastica indicata per prima nel modello di domanda (All.D) con le modalità di cui al successivo comma 4.

 

4.4 – Il modello di domanda ( All. D ) può essere presentato a

mano, direttamente all’istituzione scolastica prescelta che ne

rilascia ricevuta, oppure spedito con raccomandata con ricevuta di

ritorno. In quest’ultimo caso, del tempestivo inoltro del modulo di

domanda fa fede il timbro a data dell’Ufficio postale accettante.

 

4.5 – Il modello di domanda non può essere inoltrato alle

istituzioni scolastiche delle province di Bolzano, Trento e della

regione Valle D’Aosta in quanto le relative Autorità adottano

specifici ed autonomi provvedimenti per il reclutamento del

personale amministrativo, tecnico ed ausiliario della scuola.

 

Art. 5

Domanda di inserimento

 

5.1 – Per essere inseriti nella terza fascia delle graduatorie di

circolo e di istituto per il profilo di assistente amministrativo,

assistente tecnico, cuoco, infermiere, guardarobiere, addetto alle

aziende agrarie e collaboratore scolastico occorre produrre domanda

utilizzando esclusivamente l’apposito modello ( All. D ) conforme a

quello allegato al presente decreto .

 

5.2 - La domanda di inserimento nella terza fascia delle

graduatorie di circolo e di istituto per le supplenze temporanee è

unica per tutti i profili professionali richiesti .

 

5.3 – La domanda di inserimento deve essere prodotta per non

più di 30 istituzioni scolastiche della medesima provincia, a pena di

esclusione dalla procedura di cui al presente decreto per tutti i profili

di riferimento, oppure a pena di decadenza dalle medesime

graduatorie formulate in base al presente decreto, se già inseriti.

 

5.4 – Gli aspiranti già inclusi, ai sensi del D.M. 9.6.2005, n. 55,

nelle graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia del precedente

periodo di validità, fatto salvo quanto previsto dal precedente art. 2,

comma 6 e fermo restando il possesso dei requisiti di accesso alla

procedura in esame, per essere inclusi nelle graduatorie di cui al

presente decreto dovranno presentare domanda di inserimento

secondo le modalità ivi previste. L’eventuale aspirante, pertanto,

deve compilare – ex novo – in tutte le sue parti il modulo domanda (

All. D ), indicando il profilo professionale, i titoli di accesso al profilo

professionale richiesto, eventuali titoli di cultura e di servizio

valutabili ai sensi dell’annessa tabella ( All. A ), eventuali titoli di

preferenza (All. B), nonché i titoli di accesso, limitativamente ai

diploma di maturità, ai laboratori per il profilo professionale di

assistente tecnico (All. C ).

 

5.5 - La domanda deve essere datata e sottoscritta dal candidato

(non occorre alcuna autenticazione).

 

5.6 - Nella domanda il candidato deve indicare :

 

A) di non essere inserito a pieno titolo, nelle graduatorie

provinciali permanenti, negli elenchi provinciali ad

esaurimento, nelle graduatorie provinciali ad esaurimento di

collaboratore scolastico, nelle correlate graduatorie di circolo e

d’istituto di prima o seconda fascia per il profilo e/o profili richiesti

in alcuna provincia;

 

B) oppure, di essere già inserito a pieno titolo, nella graduatoria

permanente per le assunzioni a tempo indeterminato per altro

profilo professionale della medesima provincia;

 

C) oppure, di essere già inserito a pieno titolo, nell’elenco

provinciale ad esaurimento o nella graduatoria provinciale ad

esaurimento di collaboratore scolastico per le supplenze

annuali per altro profilo professionale della medesima

provincia;

 

D) oppure, di essere già inserito a pieno titolo, nella graduatoria

permanente per le assunzioni a tempo indeterminato per il

medesimo profilo professionale di diversa provincia e di aver

presentato domanda di depennamento per tale profilo

professionale;

 

E) oppure, di essere già inserito a pieno titolo, nell’elenco

provinciale ad esaurimento o nelle graduatorie provinciali ad

esaurimento di collaboratore scolastico per le supplenze

annuali per il medesimo profilo professionale di diversa

provincia e di aver presentato domanda di depennamento per

tale profilo professionale ;

 

F) oppure di essere già inserito a pieno titolo nelle graduatorie di

circolo e di istituto di 3 fascia vigenti nel triennio scolastico

2005/06,2006/07,2007/08 per il medesimo profilo

professionale richiesto;

 

G) oppure di aver prestato almeno 30 giorni di servizio anche non

continuativi , in posti corrispondenti al profilo professionale

richiesto e di non essere già inserito, per tale profilo

professionale, nelle graduatorie provinciali permanenti, negli

elenchi provinciali ad esaurimento, nelle graduatorie

provinciali ad esaurimento di collaboratore scolastico, nelle

correlate graduatorie di circolo e d’istituto di prima o seconda

fascia .

 

5.7 - Nella domanda il candidato deve indicare il possesso dei

requisiti richiesti per l’inserimento nella graduatoria di circolo o di

istituto di terza fascia.

 

5.8 - Il candidato deve specificare nella domanda i titoli di cui chiede

la valutazione ai fini dell’attribuzione del punteggio (ALL. A), del

riconoscimento delle preferenze (ALL. B) e della individuazione

della corrispondenza tra titoli ed aree di laboratori, limitatamente

agli assistenti tecnici (ALL. C).

 

5.9 - Coloro che aspirano all’inclusione nella graduatoria di

assistente tecnico ed in particolare al laboratorio “ conduzione e

manutenzione autoveicoli”, devono indicare nel modello di

domanda anche il possesso della patente D, nonchè del relativo

certificato di abilitazione professionale.

Coloro che aspirano all’inclusione nella graduatoria di assistente

tecnico ed in particolare quelle relative ai laboratori “ conduzione e

manutenzione impianti termici” e “ termotecnica e macchine a

fluido”, devono indicare nel modello di domanda anche il possesso

del patentino per la conduzione di caldaie a vapore.

 

5.10 - L’idoneità fisica all’impiego di cui al precedente art. 3 -

comma 1, lett.d) -deve essere oggetto di dichiarazione del candidato,

per quanto a propria conoscenza, e, successivamente, al momento

dell’assunzione, documentata, mediante certificato medico rilasciato

dalla competente autorità sanitaria.

 

5.11 – Fatto salvo quanto disposto al precedente comma 10, i

requisiti di ammissione, nonché i titoli di cultura, di servizio, di

preferenza e, per gli assistenti tecnici, di accesso alle aree di

laboratorio, possono essere oggetto: – di dichiarazione sostitutiva

rilasciata dal candidato sotto la propria responsabilità; – di

autocertificazione in fotocopia con la dicitura “copia conforme

all’originale in mio possesso” cui segue la data e la firma del

candidato; – di certificazione con riferimento a documenti già in

possesso della istituzione scolastica cui è indirizzata la domanda,

purchè siano fornite tutte le indicazioni necessarie per la loro

individuazione ed acquisizione alla procedura in esame.

Il candidato può, altresì, produrre certificazioni rilasciate dalla

competente autorità amministrativa. In tale caso i servizi scolastici

devono essere certificati dalla competente autorità della scuola in cui

sono stati prestati.

 

5.12 – L’allegata scheda D, compiutamente formulata nelle parti

che il candidato è tenuto a compilare, sottoscritta e datata dal

medesimo, è valida a tutti i fini come autodichiarazione effettuata

sotto la propria responsabilità, per quanto in essa rappresentato.

Art. 6

Dati contenuti nel modulo di domanda – Validità – Controlli

 

6.1 - Nel modello di domanda e nelle relative avvertenze – che

fanno parte integrante del presente decreto – sono previste tutte le

indicazioni relative ai requisiti e ai dati influenti ai fini della presente

procedura; vigono , al riguardo , le disposizioni legislative e

regolamentari, di cui al Testo Unico in materia di documentazione

amministrativa, emanato con D.P.R. 28.12.2000, n. 445, modificato ed

integrato dall’art. 15 della legge 16.1.2003, n. 3 .

 

6.2 - I candidati compilano il modello di domanda senza

produrre alcuna certificazione. È ammessa esclusivamente la

dichiarazione di requisiti, qualità e titoli di cui l’aspirante sia in

possesso entro la data di scadenza del termine di presentazione della

domanda.

 

6.3 - Nella fase di costituzione delle graduatorie l’ammissibilità

della domanda, l’inclusione nelle singole graduatorie richieste, il

punteggio assegnato in base alla tabella di valutazione dei titoli ( All.

A ) e la conseguente posizione occupata, l’indicazione dei titoli di

accesso ai laboratori per il solo profilo di assistente tecnico (All.C),

nonché eventuali preferenze ( All.B ), derivano esclusivamente dai

dati riportati nel modello di domanda.

 

6.4 - Nei casi e con le modalità previste dagli artt. 71 e 72 del

D.P.R. 28.12.2000, n. 445, modificato ed integrato dall’art. 15 della

legge 16.1.2003, n. 3, sono effettuati i relativi controlli in merito alle

dichiarazioni degli aspiranti.

 

6.5 – All’atto del primo rapporto di lavoro stipulato in

applicazione del presente decreto, i predetti controlli sono

tempestivamente effettuati dal dirigente scolastico che conferisce la

supplenza temporanea disposta sulla base della graduatoria di

circolo o d’istituto di terza fascia della stessa istituzione scolastica e

devono riguardare il complesso delle situazioni dichiarate

dall’aspirante , per tutte le graduatorie in cui il medesimo è risultato

incluso.

 

6.6 - In caso di mancata convalida dei dati il dirigente scolastico,

nella cui istituzione scolastica si verifica la fattispecie di cui al comma

precedente, assume le conseguenti determinazioni, sia ai fini

dell’eventuale responsabilità penale, di cui all’art. 76 del D.P.R.

28.12.2000, n. 445, modificato ed integrato dall’art. 15 della legge

16.1.2003 n. 3, sia ai fini delle esclusioni di cui al successivo articolo 7,

ovvero ai fini della rideterminazione dei punteggi, della

corrispondenza titoli/aree di laboratori limitatamente al profilo di

assistente tecnico e delle posizioni assegnate al candidato nelle

graduatorie di circolo e di istituto, dandone conseguente

comunicazione al candidato e contestualmente alle istituzioni

scolastiche indicate nel modello di domanda .

 

6.7 – In dipendenza delle determinazioni di cui al comma

precedente, l’eventuale servizio prestato dall’aspirante sulla base di

erroneo punteggio, ovvero in assenza del titolo di studio richiesto

per l’accesso al profilo e/o ai profili richiesti, e assegnato nelle

precedenti graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia

predisposte sia ai sensi del D.M. 9.6.2005, n. 55 che del presente

decreto, sarà, con apposito provvedimento emesso dal Dirigente

scolastico già individuato al precedente comma 5, dichiarato come

prestato di fatto e non di diritto, con la conseguenza che allo stesso

non deve essere attribuito alcun punteggio.

 

6.8 - In caso di positiva convalida dei dati, il dirigente

scolastico della stessa istituzione scolastica che gestisce il primo

rapporto di lavoro rilascia all’interessato apposita certificazione

dell’avvenuta verifica e convalida dei dati contenuti nella domanda;

tale certificazione viene consegnata, in copia, dall’aspirante a

ciascuna scuola con la quale contrae rapporti di lavoro, durante tutto

il periodo di validità delle graduatorie di circolo e di istituto in

questione.

Art. 7

Inammissibilità della domanda

Esclusione della procedura

 

7.1 - Sono inammissibili le domande prive della sottoscrizione

del candidato o inoltrate oltre il termine indicato nel precedente art. 4

- comma 1, nonchè le domande da cui non è possibile evincere le

generalità del candidato o la procedura o il profilo professionale cui

si riferiscono.

 

7.2 - L’Amministrazione dispone l’esclusione dei candidati che:

a) – abbiano presentato domanda in più istituzioni scolastiche, nella

stessa provincia o in provincie diverse;

b) – risultino privi di qualcuno dei requisiti di cui ai precedenti artt. 2

e 3;

c) – abbiano effettuato autodichiarazioni mendaci o abbiano prodotto

certificazioni o autocertificazioni false.

 

7.3 – La produzione di domande in più istituzioni scolastiche

della stessa provincia o in più province comporta, oltre alla

esclusione dalla procedura in esame, anche l’esclusione da tutte le

graduatorie di circolo o di istituto in cui si chieda l’inserimento e la

decadenza dalle graduatorie di circolo o di istituto in cui il candidato

sia inserito.

 

7.4 - Le autodichiarazioni mendaci o l’autoproduzione di

certificazioni false o, comunque, la produzione di documentazioni

false comportano l’esclusione dalla procedura di cui al presente

decreto per tutti i profili e graduatorie di riferimento, nonché la

decadenza dalle medesime graduatorie, nel caso di inserimento nelle

stesse, e comportano, inoltre, l’irrogazione delle sanzioni penali,

come prescritto dagli artt.75 e 76 del D.P.R.

28.12.2000,n.445,pubblicato nel Supplemento Ordinario alla G.U.

n.42 del 20.2.2001, modificato ed integrato dall’art. 15 della legge

16.1.2003, n. 3 .

 

7.5 - Tutti i candidati sono inclusi nelle graduatorie con riserva

di accertamento del possesso dei requisiti di ammissione.

L’Amministrazione, in qualsiasi momento, può disporre, con

provvedimento motivato, l’esclusione dei candidati non in possesso

dei citati requisiti di ammissione.

Art. 8

Ricorsi

 

8.1 - Avverso l’esclusione o inammissibilità, nonchè avverso le

graduatorie, è ammesso reclamo al dirigente della istituzione

scolastica che gestisce la domanda di inserimento

 

8.2 - Il reclamo deve essere prodotto entro 10 giorni dalla

pubblicazione della graduatoria provvisoria. Nel medesimo termine

si può produrre richiesta di correzione degli errori materiali.

 

8.3 - Decisi i reclami ed effettuate le correzioni degli errori

materiali, l’ autorità scolastica competente approva la graduatoria in

via definitiva.

 

8.4 - Dopo tale approvazione la graduatoria è impugnabile

unicamente con ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo

Regionale o con ricorso straordinario al Capo dello Stato.

 

8.5 - La pubblicazione delle graduatorie deve avvenire

contestualmente nell’ambito della medesima provincia. A tal fine, il

competente Ufficio territoriale, previa verifica del completamento

delle operazioni, fissa un termine unico per tutte le istituzioni

scolastiche.

 

8.6 - Avverso l’atto contrattuale di assunzione, ovvero avverso

la mancata proposta di contratto di lavoro, i relativi reclami vanno

rivolti al dirigente scolastico nella cui istituzione si verifica la

fattispecie contestata.

 

8.7 - I candidati che abbiano presentato ricorso giurisdizionale

al TAR o straordinario al Capo dello Stato,avverso i provvedimenti

di inammissibilità o nullità della domanda o di esclusione, nelle

more della definizione del ricorso stesso, sono ammessi sotto

condizione alla procedura e iscritti con riserva nella graduatoria.

 

8.8 - L’iscrizione con riserva nella graduatoria non comporta il

diritto del ricorrente ad ottenere la proposta di contratto a tempo

determinato.

8.9 - Fermo restando quanto previsto nei precedenti commi,

ove ne ricorrano le condizioni, si applicano le disposizioni di cui al

Capo XII del CCNL 2006/09 .

Art. 9

Criteri e modalità di interpello e convocazione degli aspiranti

 

9.1 – Le scuole interpellano gli aspiranti a supplenze e ne

riscontrano la disponibilità o meno ad accettare la proposta di

assunzione mediante l’utilizzo dei recapiti indicati dall’aspirante, nel

modello D di domanda, fatte salve le proposte di assunzione per

supplenze pari o superiori a trenta giorni . Di tali comunicazioni,

sotto qualsiasi modalità effettuate, va predisposta apposita

conservazione agli atti della scuola.

 

9.2 – L’uso del mezzo telefonico, sia fisso che mobile deve

assumere la forma del fonogramma, da registrare agli atti della

scuola, con l’indicazione del giorno e dell’ora della comunicazione,

del nominativo di chi l’effettua e della persona che abbia dato

risposta o l’annotazione della mancata risposta.

 

9.3 – Per le supplenze che si preannunciano di durata non

inferiore a trenta giorni la proposta di assunzione deve essere

effettuata, comunque, per telegramma.

 

9.4 – Nei casi di supplenze pari o superiori a trenta giorni, la proposta

di assunzione condizionata, trasmessa dalla scuola a più aspiranti,

con un preavviso di almeno due giorni rispetto alla data di

convocazione, può essere positivamente riscontrata, oltre che con la

presenza dell’aspirante nel giorno e ora indicati, anche con

l’accettazione telegrafica o via fax che pervenga entro i medesimi

termini; in quest’ultimo caso l’aspirante, ove la scuola gli comunichi

telefonicamente che risulta destinatario della supplenza, deve

tassativamente assumere servizio entro 24 ore da quest’ultima

comunicazione.

 

9.5 – La comunicazione concernente la proposta di assunzione

deve contenere i dati essenziali relativi alla supplenza e, cioè, la data

di inizio, la durata, l’orario di prestazione settimanale e nel caso sia

diretta a più aspiranti, deve indicare, il giorno e l’ora della

convocazione nonché l’ordine di graduatoria in cui ciascuno si

colloca rispetto agli altri contestualmente convocati.

 

Art. 10

Norme finali e di rinvio

 

10.1 - Ai fini del presente decreto, il servizio prestato nei

precedenti profili professionali del personale ATA (DPR n. 588/85) o

nelle precedenti qualifiche del personale non docente (DPR n.

420/74), è considerato come prestato nei vigenti corrispondenti

profili professionali. Il servizio prestato in qualità di aiutante cuoco è

equiparato a quello di cuoco ai fini della valutazione relativa a

quest’ultimo profilo professionale.

 

10.2 - Le supplenze temporanee sono conferite con precedenza ai

candidati inseriti nelle prima fascia delle graduatorie di circolo o di

istituto; esaurita tale fascia, ai candidati inseriti nella corrispondente

seconda fascia e, infine, ai candidati inclusi in base alle disposizioni

di cui al presente decreto, tenendo conto delle preferenze di cui

all’allegata scheda (B).

 

10.3 - Le supplenze di assistente tecnico sono conferite, secondo

le modalità previste dal precedente comma, ai candidati che risultino

forniti dei titoli specifici richiesti per l’accesso alle aree di laboratorio

disponibili a tal fine (ALL.C).

 

10.4 - Il trattamento economico del rapporto di lavoro così

instaurato e le relative modalità sono quelli stabiliti dal Contratto

Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto scuola per il

quadriennio 2006/2009 e successive integrazioni e modificazioni.

 

10.5 - Per quanto non espressamente previsto dal presente

decreto si applicano purchè compatibili, le disposizioni sullo

svolgimento dei concorsi per gli impiegati civili dello Stato.

 

10.6 - Adeguata pubblicità sarà data al presente decreto

mediante la diffusione attraverso la rete INTERNET all’indirizzo <

http://www.pubblica.istruzione.it >, sezione ATA, nonché attraverso la rete INTRANET .

Roma, lì 26.06.2008

 

 

ALLEGATO A

TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI

 

Avvertenze di cui alle Tabelle A/1 – A/2 – A/3 – A/4 – A/5

 

A) Il servizio militare di leva e i servizi sostitutivi assimilati per

legge, prestati in costanza di rapporto di impiego, sono

considerati servizio effettivo reso nella medesima qualifica.

Il servizio militare di leva e i servizi sostitutivi assimilati per

legge, prestati non in costanza di rapporto di impiego, sono

considerati come servizio reso alle dipendenze delle

amministrazioni statali.

 

B) Il servizio prestato nelle istituzioni scolastiche e culturali italiane

all’estero con atto di nomina dell’Amministrazione degli affari

esteri secondo le vigenti modalità di conferimento, è valutato

alle medesime condizioni dei corrispondenti servizi prestati nel

territorio nazionale.

 

C) Il servizio effettuato nelle qualifiche del personale non docente

di cui al D.P.R. n.420/74 e nei profili professionali di cui al

D.P.R. n.588/85 è considerato a tutti gli effetti come servizio

prestato nei corrispondenti, vigenti profili professionali.

 

D) I titoli che sono oggetto di valutazione ai sensi di un punto

precedente della medesima tabella non possono essere presi in

considerazione ai fini dei punteggi successivamente previsti. La

valutazione di un titolo di studio o di un attestato esclude la

possibilità di assegnare punteggi riferiti al corso o alle prove in

base ai quali il titolo o l’attestato è stato conseguito.

 

E) Nei confronti di coloro che producano il diploma di istruzione

secondaria di primo grado integrato da attestato regionale

rilasciato ai sensi dell’art. 14 della legge n. 845/78, di cui al

precedente ordinamento, il punteggio è attribuito con riferimento

al diploma di scuola media.

 

F) Qualora il servizio sia stato prestato in scuole non statali

paritarie, in scuole dell’infanzia non statali autorizzate, in scuole

parificate, sussidiarie o sussidiate, in scuole di istruzione

secondaria o artistica non statali pareggiate, legalmente

riconosciute, il punteggio assegnato al servizio è ridotto alla

metà. Tale servizio non costituisce requisito di accesso.

 

G) Al fine di ottenere una valutazione senza frazioni di punto

inferiori al centesimo, nell’ipotesi di presenza di più di due cifre

decimali, deve effettuarsi l’arrotondamento alla seconda cifra

decimale, tenendo conto della terza cifra dopo la virgola.

L’arrotondamento viene eseguito nel seguente modo:

- se la terza cifra decimale è uguale o maggiore di 5, la seconda

cifra decimale va arrotondata al centesimo superiore ( Es. 7,166

va arrotondato a 7,17);

- se la terza cifra decimale è minore di 5, la seconda cifra

decimale resta invariata ( Es. 6,833 va arrotondato a 6,83);

 

H) Nei confronti di tutti i candidati il punteggio per qualsiasi

tipologia di servizio prestato con rapporto di lavoro a tempo

parziale è valutato per intero secondo i valori espressi nella

corrispondente tabella di valutazione dei titoli.

 

I) La preferenza Q va assegnata in presenza di un certificato di

servizio per non meno di un anno, prestato presso il Ministero

dell’ Istruzione, indipendentemente dall’attestazione del

lodevole servizio.

 

L) I figli, anche se naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati

sono considerati a carico se nell’anno 2007 non hanno posseduto

redditi che nel loro insieme concorressero alla formazione del

reddito complessivo per un ammontare superiore a €. 2.840,51 -

 

AllegatoA/1

Tabella di valutazione dei titoli relativa alle graduatorie di circolo

e di istituto per le supplenze di assistente amministrativo

 

A) TITOLI DI CULTURA

1) Titolo di studio richiesto per l’accesso al profilo professionale

per il quale si procede alla valutazione (si valuta un solo titolo) :

- media dei voti riportati (ivi compresi i centesimi), escluso il

voto di religione, di educazione fisica e di condotta, qualora

espressi in decimi.

- ove nel titolo di studio la valutazione sia espressa con una

qualifica complessiva si attribuiscono i seguenti valori:

sufficiente – 6, buono – 7, distinto – 8, ottimo – 9.

- per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte

le materie, tale punteggio deve essere rapportato a 10 .

- qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata

a 10 , (2) .

2) Diploma di laurea (si valuta un solo titolo) (2) (3) : PUNTI 2

3) Attestato di qualifica professionale di cui all’art.14 della legge

845/78, attinente alla trattazione di testi e/o alla gestione

dell’amministrazione mediante strumenti di videoscrittura o

informatici ( si valuta un solo attestato) (2): PUNTI 1,50

4) Attestato di addestramento professionale per la dattilografia o

attestato di addestramento professionale per i servizi

meccanografici rilasciati al termine di corsi professionali istituiti

da Stato, Regioni o altri Enti Pubblici (si valuta un solo

attestato) (2) (4)(7) : PUNTI 1

5) Idoneità in concorso pubblico per esami o prova pratica per

posti di ruolo nelle carriere di concetto ed esecutive, o

corrispondenti, bandito dallo Stato o da Enti pubblici

territoriali. Si valuta una sola idoneità: PUNTI 1

25

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione generale per il personale scolastico

 

B) TITOLI DI SERVIZIO

6) Servizio prestato in qualità di responsabile amministrativo o

assistente amministrativo in : a) Scuole dell’infanzia : statali,

delle Regioni Sicilia e Val d’Aosta, delle province autonome di

Trento e Bolzano, non statali autorizzate; b) Scuole primarie :

statali e non statali parificate , sussidiate o sussidiarie; c) Scuole

di istruzione secondaria o artistica : statali e non statali

pareggiate, legalmente riconosciute; nelle istituzioni scolastiche

e culturali italiane all’estero; nelle istituzioni convittuali; d)

Scuole non statali paritarie (1) (5) (6) (8),

per ogni anno: PUNTI 6

per ogni mese o frazione superiore a 15 gg.: (fino a un massimo

di punti 6 per ciascun anno scolastico) : PUNTI 0,50

7) Altro servizio prestato in una qualsiasi delle scuole elencate al

punto 6, ivi compreso il servizio di insegnamento nei corsi

C.R.A.C.I.S. e il servizio prestato con rapporto di lavoro

costituito con enti locali (1) (5) (6) (8),

per ogni anno: PUNTI 1,20

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg.:(fino a

un massimo di punti 1,20 per ciascun anno scolastico)

PUNTI 0,10

9) Servizio prestato alle dirette dipendenze di amministrazioni

statali, negli Enti locali e nei patronati scolastici (1) (5) ,

per ogni anno: PUNTI 0,60

per ogni mese o frazione superiore a 15 gg.: (fino a un massimo

di punti 0,60 per ciascun anno scolastico) PUNTI 0,05

26

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione generale per il personale scolastico

 

Allegato A/2

Tabella di valutazione dei titoli relativa alle graduatorie di circolo

e di istituto per le supplenze di assistente tecnico, di cuoco, di

infermiere

 

A) TITOLI DI CULTURA

1) Titolo di studio richiesto per l’accesso al profilo professionale

per il quale si procede alla valutazione (si valuta un solo titolo) :

- media dei voti riportati (ivi compresi i centesimi), escluso il

voto di religione, di educazione fisica e di condotta, qualora

espressi in decimi .

- ove nel titolo di studio la valutazione sia espressa con una

qualifica complessiva si attribuiscono i seguenti valori:

sufficiente – 6, buono – 7, distinto – 8, ottimo – 9.

- per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte

le materie, tale punteggio deve essere rapportato a 10 .

- qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata

a 10 , (2) .

2) Diploma di laurea (si valuta un solo titolo) (2) (3) : PUNTI 2

3) Idoneità in precedenti concorsi pubblici per esami, o prova

pratica a posti di ruolo nel profilo professionale per cui si

concorre, oppure nelle precorse qualifiche del personale A.T.A.

o non docente, corrispondenti al profilo per cui si concorre. Si

valuta una sola idoneità: PUNTI 2

B) TITOLI DI SERVIZIO

4) Servizio prestato in : a)Scuole dell’infanzia : statali, delle

Regioni Sicilia e Val d’Aosta, delle province autonome di Trento

e Bolzano, non statali autorizzate; b) Scuole primarie : statali e

non statali parificate, sussidiate o sussidiarie; c) Scuole di

istruzione secondaria o artistica : statali e non statali pareggiate,

legalmente riconosciute ; d) Istituzioni convittuali; istituzioni

scolastiche e culturali italiane all’estero in qualità di assistente

tecnico (limitatamente a tale profilo professionale); e) Scuole

non statali paritarie (1) (5) (6) (8),

per ogni anno: PUNTI 6

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg.(fino a un

massimo di punti 6 per ciascun anno scolastico) PUNTI 0,50

27

5) Servizio prestato nei convitti annessi agli istituti tecnici e

professionali, nei convitti nazionali, negli educandati femminili

dello Stato in qualità di cuoco (limitatamente a tale profilo

professionale) (1) (5) (6) (8),

per ogni anno: PUNTI 6

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg.(fino a un

massimo di punti 6 per ciascun anno scolastico): PUNTI 0,50

6) Servizio prestato nei convitti annessi agli istituti tecnici e

professionali, nei convitti nazionali, negli educandati femminili

dello Stato in qualità di infermiere (limitatamente al profilo

professionale di infermiere) (1) (5) (6) (8),

per ogni anno: PUNTI 6

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg.(fino a un

massimo di punti 6 per ciascun anno scolastico): PUNTI 0,50

7) Altro servizio prestato in scuole di cui al punto 4, nelle

istituzioni scolastiche e culturali italiane all’estero, nei convitti

annessi agli istituti tecnici e professionali, nei convitti nazionali

e negli educandati femminili dello Stato, ivi compreso il

servizio di insegnamento nei corsi C.R.A.C.I.S. (1) (5) (6) (8),

per ogni anno: PUNTI 1,20

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg. (fino a

un massimo di punti 1,20 per ciascun anno scolastico):

PUNTI 0,10

8) Servizio prestato alle dirette dipendenze di Amministrazioni

statali o Enti locali e nei patronati scolastici (1) (5) ,

per ogni anno: PUNTI 0,60

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg.(fino a un

massimo di punti 0,60 per ciascun anno scolastico):

PUNTI 0,05

28

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione generale per il personale scolastico

 

Allegato A/3

Tabella di valutazione dei titoli relativa alle graduatorie di circolo

e di istituto per le supplenze di guardarobiere

 

A) TITOLI DI CULTURA

1) Titolo di studio richiesto per l’accesso al profilo professionale

per il quale si procede alla valutazione (si valuta un solo titolo) :

- media dei voti riportati (ivi compresi i centesimi), escluso il

voto di religione, di educazione fisica e di condotta , qualora

espressi in decimi .

- ove nel titolo di studio la valutazione sia espressa con una

qualifica complessiva si attribuiscono i seguenti valori:

sufficiente – 6, buono – 7, distinto – 8, ottimo – 9.

- per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte

le materie, tale punteggio deve essere rapportato a 10 .

- qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata

a 10 , (2) .

2) Diploma di maturità (2) : PUNTI 3

3) Idoneità conseguita in precedenti concorsi pubblici per esami o

prove pratiche a posti di guardarobiere o aiutante

guardarobiere (limitatamente al profilo di guardarobiere).

Il punteggio viene attribuito una sola volta anche in caso di

idoneità in più concorsi: PUNTI 2

 

B) TITOLI DI SERVIZIO

4) Servizio prestato in qualità di guardarobiere o di aiutante

guardarobiere in : a) Scuole dell’infanzia : statali, delle Regioni

Sicilia e Val d’Aosta, delle province autonome di Trento e

Bolzano, non statali autorizzate; b) Scuole primarie : statali e

non statali parificate , sussidiate o sussidiarie; c) Scuole di

istruzione secondaria o artistica : statali e non statali pareggiate,

legalmente riconosciute; istituzioni scolastiche e culturali

italiane all’estero; nelle istituzioni convittuali; e) Scuole non

statali paritarie (1) (5) (6) (8),

per ogni anno: PUNTI 6

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg. (fino a

un massimo di punti 6 per ciascun anno scolastico):

PUNTI 0,50

29

5) Altro servizio prestato nelle scuole di cui al punto 4) ; nelle

istituzioni scolastiche e culturali italiane all’estero, nei convitti

annessi agli istituti tecnici e professionali, nei convitti

nazionali e negli educandati femminili dello Stato, ivi compreso

il servizio di insegnamento effettuato nei corsi C.R.A.C.I.S. (1)

(5) (6) (8),

per ogni anno: PUNTI 1,80

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg. (fino a

un massimo di punti 1,80 per ciascun anno scolastico):

PUNTI 0,15

6) Servizio prestato alle dirette dipendenze di amministrazioni

statali, Enti locali, nei patronati scolastici o nei consorzi

provinciali per l’istruzione tecnica (1) (5),

per ogni anno: PUNTI 0,60

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg. (fino a

un massimo di punti 0,60 per ciascun anno scolastico):

PUNTI 0,05

30

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione generale per il personale scolastico

 

Allegato A/4

Tabella di valutazione dei titoli relativa alle graduatorie di circolo

e di istituto per le supplenze di addetto alle aziende agrarie

 

A) TITOLI DI CULTURA

1) Titolo di studio richiesto per l’accesso al profilo professionale

per il quale si procede alla valutazione (si valuta un solo titolo) :

- media dei voti riportati (ivi compresi i centesimi), escluso il

voto di religione, di educazione fisica e di condotta, qualora

espressi in decimi .

- ove nel titolo di studio la valutazione sia espressa con una

qualifica complessiva si attribuiscono i seguenti valori:

sufficiente – 6, buono – 7, distinto – 8, ottimo – 9.

- per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte

le materie, tale punteggio deve essere rapportato a 10 .

- qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata

a 10 (2) .

2) Diploma di maturità (2) (3): PUNTI 3

3) Idoneità conseguita in precedenti concorsi pubblici per esami o

prove pratiche a posti di addetto alle aziende agrarie.

Il punteggio viene attribuito una sola volta anche in caso

d’idoneità in più concorsi: PUNTI 2

 

B) TITOLI DI SERVIZIO

4) Servizio prestato in qualità di addetto alle aziende agrarie in: a)

Scuole dell’infanzia : statali, delle Regioni Sicilia e Val d’Aosta,

delle province autonome di Trento e Bolzano, non statali

autorizzate; b) Scuole primarie : statali e non statali parificate ,

sussidiate o sussidiarie; c) Scuole di istruzione secondaria o

artistica : statali e non statali pareggiate, legalmente

riconosciute; nelle istituzioni scolastiche e culturali italiane

all’estero; nelle istituzioni convittuali; d) Scuole non statali

paritarie (1) (5) (6) (8),

per ogni anno: PUNTI 6

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg. (fino a

un massimo di punti 6 per ciascun anno scolastico):

PUNTI 0,50

31

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione generale per il personale scolastico

5) Altro servizio prestato nelle scuole di cui al punto 4); nelle

istituzioni scolastiche e culturali italiane all’estero, nei convitti

annessi agli istituti tecnici e professionali, nei convitti nazionali

e negli educandati femminili dello Stato, ivi compreso il

servizio di insegnamento effettuato nei corsi C.R.A.C.I.S. (1) (5)

(6) (8),

per ogni anno: PUNTI 1,80

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg. (fino a

un massimo di punti 1,80 per ciascun anno scolastico):

PUNTI 0,15

6) Servizio prestato alle dirette dipendenze di amministrazioni

statali, Enti locali, nei patronati scolastici o nei consorzi

provinciali per l’istruzione tecnica (1) (5),

per ogni anno: PUNTI 0,60

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg. (fino a

un massimo di punti 0,60 per ciascun anno scolastico):

PUNTI 0,05

32

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione generale per il personale scolastico

 

Allegato A/5

Tabella di valutazione dei titoli relativa alle graduatorie di circolo

e di istituto per le supplenze di collaboratore scolastico

 

A) TITOLI DI CULTURA

1) Titolo di studio richiesto per l’accesso al profilo professionale

per il quale si procede alla valutazione (si valuta un solo titolo) :

- media dei voti riportati (ivi compresi i centesimi), escluso il

voto di religione, di educazione fisica e di condotta, qualora

espressi in decimi .

- ove nel titolo di studio la valutazione sia espressa con una

qualifica complessiva si attribuiscono i seguenti valori:

sufficiente – 6, buono – 7, distinto – 8, ottimo – 9.

- per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte

le materie, tale punteggio deve essere rapportato a 10 .

- qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata

a 10 . (2)

Nel caso in cui tale titolo non sia espresso né in voti né in

giudizi, si considera come conseguito con la sufficienza.

Ove siano stati prodotti più titoli fra quelli richiesti per

l’accesso, si valuta il più favorevole. ;

 

B) TITOLI DI SERVIZIO

2) Servizio prestato in qualità di collaboratore scolastico in : a)

Scuole dell’infanzia : statali, nelle Regioni Sicilia e Val d’Aosta,

delle province autonome di Trento e Bolzano, non statali

autorizzate; b) Scuole primarie : statali e non statali parificate ,

sussidiate o sussidiarie; c) Scuole di istruzione secondaria o

artistica : statali e non statali pareggiate, legalmente

riconosciute; Istituzioni scolastiche e culturali italiane all’estero;

Istituzioni convittuali; d) Scuole non statali paritarie (1) (5) (6)

(8),

per ogni anno: PUNTI 6

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg. (fino a

un massimo di punti 6 per ciascun anno scolastico):

PUNTI 0,50

3) Altro servizio comunque prestato nelle scuole di cui al punto

3) ; nelle istituzioni scolastiche e culturali italiane all’estero, nei

convitti annessi agli istituti tecnici e professionali, nei

convitti nazionali e negli educandati femminili dello Stato, ivi

compreso il servizio di insegnamento effettuato nei corsi

C.R.A.C.I.S. (1) (5) (6) (8),

per ogni anno: PUNTI 1,80

33

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione generale per il personale scolastico

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg. (fino a

un massimo di punti 1,80 per ciascun anno scolastico):

PUNTI 0,15

4) Servizio prestato alle dirette dipendenze di amministrazioni

statali, Enti locali, nei patronati scolastici o nei consorzi

provinciali per l’istruzione tecnica (1) (5),

per ogni anno: PUNTI 0,60

per ogni mese di servizio o frazione superiore a 15 gg. (fino a

un massimo di punti 0,60 per ciascun anno scolastico):

PUNTI 0,05

34

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione generale per il personale scolastico

 

NOTE ALLE TABELLE DI VALUTAZIONE

(1) Il servizio valutabile è quello effettivamente prestato o,

comunque, quello relativo a periodi coperti da nomina o da

contratto, per i quali vi sia stata retribuzione, anche ridotta. I

periodi, invece, per i quali è esclusivamente prevista la

conservazione del posto senza assegni, non sono valutabili, con

eccezione di quelli attinenti a situazioni, legislativamente o

contrattualmente disciplinate (mandato amministrativo,

maternità, servizio militare etc.), per le quali il tempo di

conservazione del posto senza assegni è computato nell’anzianità

di servizio a tutti gli effetti. Sono altresì valutabili, a prescindere

da ogni effetto economico, quei periodi riconosciuti

giuridicamente al candidato a seguito di contenzioso con

pronuncia definitiva favorevole.

(2) Sono valutabili anche i titoli equipollenti conseguiti all’estero.

Nel caso in cui tali titoli non siano espressi né in voti né in

giudizi, si considerano come conseguiti con la sufficienza.

(3) Si valutano: lauree quadriennali, lauree di 1°livello (triennali),

lauree di 2° livello (specialistiche).

Sono, altresì, valutabili i diplomi di 1° e 2° livello conseguiti

presso i Conservatori di musica e le Accademie di belle arti,

purchè congiunti a diploma quinquennale di istruzione

secondaria di secondo grado,

Analogamente è valutabile il diploma ISEF in quanto equiparato

alla laurea di 1°livello in Scienze delle attività motorie e sportive.

(4) Per il personale in servizio nelle istituzioni scolastiche e culturali

italiane all’estero all’attestato di addestramento professionale

viene equiparato, ai sensi dell’art. 6 del D.I. 14.11.1977, il

certificato conseguito a seguito della frequenza di analogo corso

di formazione o addestramento organizzato dal Ministero degli

Affari Esteri o da esso autorizzato, ovvero organizzato dal

Ministero dell’ Istruzione per il personale da inviare all’estero.

(5) Il servizio prestato nelle scuole statali (con contratto a tempo

indeterminato o determinato) con rapporto di impiego con gli

Enti Locali fino al 31.12.1999 viene equiparato, ai fini

dell’attribuzione del punteggio, a quello prestato con rapporto di

impiego con lo Stato nel medesimo profilo professionale o in

profilo professionale corrispondente .

Il punteggio per il servizio prestato con rapporto di lavoro a

tempo parziale con lo Stato o gli Enti Locali , per tutti i titoli di

servizio valutabili ai sensi delle presenti Tabelle di Valutazione,

35

è assegnato per intero, secondo i valori espressi nella

corrispondente tabella di valutazione dei titoli.

(6) Qualora il servizio sia stato prestato in scuole materne non statali

autorizzate, in scuole elementari parificate, sussidiarie o

sussidiate, in scuole di istruzione secondaria o artistica non

statali pareggiate, legalmente riconosciute, paritarie, il punteggio

assegnato al servizio è ridotto alla metà.

(7) Gli attestati concernenti la conoscenza di competenze di base o

avanzate non possono non essere considerati come “attestati di

addestramento professionale” e come tale trovare collocazione,

solo ai fini della valutazione, nel punto 5 della tabella A/1

allegata al presente Decreto per il profilo di assistente

amministrativo.

In tale contesto si ritiene che la valutazione compete alle

certificazioni concernenti la sigla “ECDL” ed alle certificazioni

informatiche Microsoft Office Specialist, IC3 e Eipass.

La valutazione compete anche quando, in luogo di attestati o

diplomi specificamente rilasciati per i “servizi meccanografici”

siano prodotti diplomi o attestati che, pur essendo rilasciati al

termine di un corso di studi comprendente varie discipline,

includano una o più discipline attinenti ai predetti “servizi

meccanografici”, sempre che tali corsi non siano quelli al

termine dei quali sia stato rilasciato un titolo già oggetto di

valutazione.

(8) Ai sensi delle disposizioni vigenti in materia di cumulo di più

rapporti di lavoro, qualora in uno stesso periodo siano prestati

servizi diversi, tale periodo, ai fini dell’assegnazione del

punteggio, va richiesto dall’aspirante con uno soltanto dei servizi

coincidenti. Qualora nel medesimo anno scolastico siano stati

prestati servizi che, ai sensi della tabella della valutazione dei

titoli danno luogo a valutazioni differenziate, il punteggio

complessivo attribuibile per quell’anno scolastico non può

comunque eccedere quello massimo previsto per il servizio

computato nella maniera più favorevole.

 

ALLEGATO B

PREFERENZE

Le preferenze sono quelle indicate nel relativo spazio dell’allegato

D.

37

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione generale per il personale scolastico

 

ALLEGATO C

CORRISPONDENZA TITOLI – AREE DI LABORATORIO

(SOLAMENTE PER ASSISTENTE TECNICO)

Tabella annessa alla O.M. 30.12.2004 n. 91

38

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione generale per il personale scolastico

 

ALLEGATO D

MODELLO DI DOMANDA DI INSERIMENTO

(UTILIZZARE IL MODELLO PREDISPOSTO)

39

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione generale per il personale scolastico

 

ALLEGATO D1

MODULO PER LA RICHIESTA DI DEPENNAMENTO DALLE

GRADUATORIE PROVINCIALI PERMANENTI ; DAGLI ELENCHI

PROVINCIALI AD ESAURIMENTO E DALLE GRADUATORIE

PROVINCIALI AD ESAURIMENTO DI COLLABORATORE SCOLASTICO

E CORRELATE GRADUATORIE DI 1° E 2° FASCIA DI CIRCOLO E DI

ISTITUTO

About these ads

155 Risposte a “GRADUATORIE III FASCIA – CONFERIMENTO SUPPLENZE PERSONALE ATA: ORDINANZA N. 59 DEL 26.06.2008”

  1. [...] GRADUATORIE III FASCIA – CONFERIMENTO SUPPLENZE PERSONALE ATA: ORDINANZA N. 59 DEL 26.06.2008 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Dipartimento per l’istruzione Direzione generale per [...] [...]

  2. ROCCO ha detto

    DIPLOMA DI RAGIONIERE E PERITO COMMERCIALE OLTRE AL PROFILO DI ASSISTENTE AMMINISTRATIVO QUALE PROFILO DI ASSISTENTE TECNICO PUO ESSERE INSERITO
    SALUTI

  3. Bernardino Tirri ha detto

    Per essere inserito nella graduatoria di Assistente Tecnico è necessario il Diploma di Ragioniere e Perito Programmatore

  4. LISA ha detto

    ho preso 46/60 alla maturità, che punteggio è nei titoli culturali?
    la patente tipo b che punti da?
    aver lavorato 3 mesi alle Poste che punti mi da?
    aver lavorato 8 giorni alle poste che punti mi da?
    aver lavorato 2 giorni alle poste che punti mi da?
    grazie per le risposte
    potreste inviarmele alla mia email
    stavax@alice.it
    grazie lisa

  5. stefano lucchese ha detto

    Salve, avendo compilato tutto il modello riguardo al conferimento supplenze ATA, alla fine mi chiede il conteggio in funzione ai titoli di studio.
    Non riesco a capire la valutazione, le cifre decimali, ecc.
    Ho il diploma Magistrale, e sto partecipando alla sezione Ass. Amministrativo e Collaboratore Scolastico,dato che col diploma posso accedere ad entrambe le selezioni, ma non riesco a fare il conteggio.
    Potreste gentilmente darmi qualche chiarimento?, Inoltre, nella casella Punteggio totale, devo raddoppiare il punteggio che il decreto attribuisce al mio diploma, dato che concorro per 2 selezioni ( AA e CS)? nell’attesa di una Vostra risposta porgo distinti saluti
    stefano lucchese

  6. Bernardino Tirri ha detto

    Per Lisa:
    Il punteggio è: 7,6;

    Il servizio prestato presso l’ente Poste non è valòutabile

  7. Bernardino Tirri ha detto

    Per Lucchese:
    Se fai conoscere il voto del diploma, ti comunicherò il corrispondente punteggio per le diverse graduatorie

  8. maria ha detto

    Salve vorrei se è possibile un chiarimento:o ho presentato domanda nel 2003 graduatoria di istituto solo per AA, ora voglio presentarla anche come AT e CS nella sezione B1 SPUNTO LA X ma nella sezione B2 che spunto? solo la F? o anche la A? Grazie

  9. Ferro Pasquale ha detto

    ho assolto agli obblighi militari per dodici mesi
    diploma di scuola media
    diploma di qualifica professionale elettrotecnica 66/100
    maturità tecnica professionale delle industrie elettriche 38/60
    vorrei sapere in quale graduatoria posso essere inserito con i relativi codici e punteggi
    Ringrazio anticipatamente e saluto

  10. Al ha detto

    Anche io concorro per due selezioni (AA e CS)
    Ho preso la maturità scientifica con 82/100 ed ho una patente B.
    Che punteggio devo indicare?

  11. mar ha detto

    Già inclusa nella vecchia graduatoria di terza fascia
    voto riportato al diploma di maturità (ragioniere e perito commerciale) 45/60
    licenza media voto “distinto”
    attestato ECDL
    attestato frequenza corso informatica linux KUBUNTU
    31 mesi di preruolo collaboratore scolastico
    9 anni e 10 mesi servizio di ruolo collaboratore scolastico
    come valutare il punteggio?

  12. elisa ha detto

    Salve a tutti, ho preso 41/60 al diploma mi sapreste dire il corrispondente punteggio? Inoltre ho prestato servizio presso una scuola statale primaria in qualità di docente per circa 7 mesi e ho raggiunto l’idoneità ad un concorso statale mi sapreste dire se anche questo mi dà punteggio? Vi ringrazio anticipatamente.

  13. VALLY ha detto

    VOLEVO SAPERE SE TRA I TITOLI CULTURALI FOSSERO COMPRESI I CORSI DI PERFEZIONAMENTO, QUALIFICHE COME ESPERTO IN ORGANIZZAZIONE AZIENALE (del F.S.E)E SE FOSSE POSSIBILE INSERIRE IL SERVIZIO COME ASSISTENTE HANDICAPPATI.
    GRAZIE

  14. elisa ha detto

    scusate ncora, un’ultima informazione. Io ho presentato domanda tre anni fa nella provincia di Pesaro. Se nell’aggiornare la domanda volessi cambiare provincia come devo fare? Ho bisogno di un modulo diverso dal D oppure basta solo compilare questo nuovo modulo con l’indicazione delle scuole della provincia da me prescelta quest’anno? Grazie ancora.

  15. celina ha detto

    Sono diplomata Ragioniere perito commerciale e programmatore col punteggio di 62/100, vorrei sapere nella terza pagina in assistente tecnico cè il “codice del titolo”, non capisco cosa devo mettere e dove trovare questa informazione, ciao e grazie.

  16. margherita ha detto

    salve,
    non riesco a fare la valutazione dei titoli sto facendo richiesta per la sezione di assistente amministrativo e di collaboratore scolastico, non ho mai prestato servizio presso alcun ente.Ho il diploma magistrale e la mia votazione all’esame di maturità è di 80/100

  17. daniela ha detto

    ciao a tutti,
    tre domande:
    - nella sezione D (titoli culturali) deve essere riportato lo stesso titolo di accesso di cui si è già scritto nella sezione C?
    - aver lavorato per un Comune nella rilevazione dei dati durante il censimento è considerabile come titolo di servizio?
    - per il calcolo dei punteggi, qualsiasi laurea e con qualsiasi votazione finale dà sempre 2 punti, giusto? Mentre il voto di maturità espresso in centesimi va semplicemente trasformato in decimi, giusto?
    grazie :-)
    daniela

  18. Antonio ha detto

    Io che ho la licenza media (purtroppo non ho potuto studiare) non posso fare nemmeno la domanda come bidello? Non è che nelle province/regioni autonome i requisiti richiesti siano diversi?
    Aspetto con ansia vostre notizie. Grazie.

  19. mariangela ha detto

    la licenza di Scuola Media è valutabile?Il diploma di maturità conseguito con 60/100,quanti punti vale?

  20. betti ha detto

    ho il diploma di ragioniera la patente b e la mia votazione e di 42/60 vorrei sapere il punteggio nella graduatoria per assistente amministrativo e collaboratore scolastico

  21. Pippo ha detto

    Salve, ho presentato domanda nel 2005 come AA e AT nella provincia di Palermo. Adesso presento la nuova domanda in una provincia diversa come AA, AT e CS.
    Ho dei dubbi:
    - riguardo la sezione B1, devo segnare Y per quanto riguarda AA e AT? E X per CS?
    - E poi nella sezione C1, quali sono i codici di titolo e i codici aree professionali? Ho guardato l’allegato C ma non ho trovato ciò che mi riguarda, ho il diploma di geometra.

  22. fiorelix ha detto

    tra il diploma di maturita’ e la laurea quale dei due sono valutabili ai fini del pesonale amministrativo ,e collabotatore scolastico?
    ho il diploma di liceo socio psico pedagogico posso accedere all’area di assistente tecnico?

  23. Bernardino Tirri ha detto

    Per Fiore

    1) pag. 4 Sezione D va riportato:
    - il titolo di accesso che è il diploma di maturità
    - il diploma di laurea
    2) Il punteggio più alto tra i due due diplomi viene riportato nella sezione G a pag. 9 del modello, relativamente ai profili AA, AT e CS

  24. Bernardino Tirri ha detto

    Per Pippo

    A pag. 11 del modello, nella Sezione L barrare la prima casella indicando la provincia nella cui graduatoria si chide il depennamento;
    A pag, 2 del modello, Sezione B, nel riquadro Sezione B1 – Titolo di studio di accesso, in dicare:
    - la provincia
    - barrare la casella X
    - barrare la casella del profilo AA e AT

  25. Bernardino Tirri ha detto

    Per Betti

    il puntegio da riportare è: 7

  26. Bernardino Tirri ha detto

    Per Mariangela
    Maturità punti 6

    Licenza media: NO

  27. Bernardino Tirri ha detto

    Per Antonio

    La risposta urtroppo è NO

  28. Bernardino Tirri ha detto

    Per Katia
    direi di riportare comunque i relativi punteggi

  29. Bernardino Tirri ha detto

    Per alessandra

    Punto 1 devi inserire sia il diploma che la laurea triennale
    punto 2 Maturità puntoi 9,40
    Laurea punti 2

  30. Bernardino Tirri ha detto

    Per Daniela
    1) si
    2) No
    3) – laurea vale sempre 2 punti
    – il voto di maturità deve essere trasformato in decimi

  31. Bernardino Tirri ha detto

    Per Margherita

    il punteggio : 8

  32. Bernardino Tirri ha detto

    Per Carla
    1) nel modulo domanda a pag. 11 Sezione L chiedere il depennamento
    2) nella Sezione A (prima pagina) riportare segnare il codice della scuola nella cui graduatoria si chiede di essere inseriti

  33. Bernardino Tirri ha detto

    Per Celina
    il codice da riportare è: TD05

  34. Bernardino Tirri ha detto

    pER ELISA
    UTILIZZARE SMPRE LO STESSO MODELLO. A pag. 11 compilare i quadri della Sezione L.
    diploma punteggio: 6,17
    servizio 7 mesi sc. primaria punti: 0,60
    idoneità concorso punti: 1

  35. Bernardino Tirri ha detto

    Per Vally
    NO

  36. Bernardino Tirri ha detto

    Per Mar
    Punteggi:
    - diploma: 7,50
    - attestato ECDL: 1
    - 31 mesi pre-ruolo: 18,60
    - anni 9 e 10 mesi coll scolastico di ruolo: 5

  37. Bernardino Tirri ha detto

    Per Roberta
    non esiste circolare esplicativa

  38. Bernardino Tirri ha detto

    Per AI

    Il punteggio da indicare è: 8,20

  39. Bernardino Tirri ha detto

    Per Ferro
    – Il punteggio della qualifica prof.le che va inserito in “altri titoli” è sempre: 1
    – maturità Tecnica prof.le: punti 6,33
    codice TF10

  40. Bernardino Tirri ha detto

    - nella Sezione B1 spuntare X
    - nella Sezione B2 spuntare solo F

  41. elisa ha detto

    ciao, intanto grazie per avermi aiutata ma volevo ancora un chiarimento. Mi sembra di aver capito che per calcolare il punteggio del diploma almeno per coloro che si sono diplomati col voto in sessantesimi bisogna fare questa operazione: VOTOx10 RISULTATO :60.Quindi nel mio caso non è 6.17 ma 6.83 giusto? Inoltre il punteggio del servizio presso la scuola primaria statale e quello dell’idoneità al concorso dove devo inserirli? Grazie ancora.

  42. elisa ha detto

    PS: per la precisione ho insegnato dal 9/12/2007 al 30/06/2008. Il punteggio è 0,60? Ma come si calcola? Grazie.

  43. CRISCI MARIANNA ha detto

    non so come fare per sapere la mia graduatoria per domanda ata 2005 in provincia di avellino aiutatemi

  44. SEPE FORTUNATA ha detto

    E POSSIBILE CHE DALLA GRADUATORIA 1988 IN PROVINCIA DI BG COME ATA NON MI CHIAMANO COSA POSSO FARE

  45. annalisa ha detto

    salve mi dite i punteggi relativi a :
    diploma professionale 60/60
    laurea in decorazione 110 e loda
    diploma di perfezionamento post diploma 1500 ore .ciao

  46. Teresa ha detto

    Salve per favore potrebbe dirmi cosa dovrò segnare nel riquadro B2 visto che avevo già presentato domanda di inserimento nella graduatoria di 3° fascia nel 2005?

  47. Alessandra ha detto

    Sto presentando domanda per AA AT e CS con quanti punti valutare l’idoneità al concorso per vigile Urbano e un attestato di qualifica in Esperto di marketing operativo e strategico rilasciato dalla Regione dell’Umbria (attestato di qualifica valido agli effetti previsti dall’art. 14 della legge 21/12/1978 n. 845)grazie

  48. domenico ha detto

    Salve io ho fatto domanda nn ricordo bene se nel 2001 o nel 2002 ma non sono nelle graduatorie permanenti ne in quelle ad esaurimento.
    L’unica cosa che non riesco a sapere e se faccio parte degli elenchi provinciali ad esaurimento presso la provincia di Treviso.
    Come posso fare? Non vorrei sbaglaire a compilare la domanda.
    Grazie

  49. lory ha detto

    vorrei sapere per cortesia il codice dei titoli: diploma di ragiobiere e perito commerciale-attestato di tecnico informatico in office automation – attestato di dattilografia e in quale sezione di pag. 3 e pag.4 li devo includere. Grazie

  50. anna ha detto

    essendo già stata inserita in terza fascia come ass amm attualmente mi vale lo stesso punteggio di prima?

  51. MICHELANGELO ha detto

    Ciao,
    io mi sono diplomato come Perito Tecnico Industriale con specializzazione Informatica,
    volevo sapere qual’è il codice relativo al mio diploma?
    Grazie

  52. Maria ha detto

    salve, io ho il diploma di maturità scientifica con votazione in sessantesimi, precisamente 60/60. Il punteggio da attribuire sarebbe perciò 10?
    Mia sorella, invece, ha la maturità socio-psico-pedagocica, con 45/60. Dunque il punteggio, facendo una proporzione, dovrebbe essere 7,5. E’ corretto?
    Mia sorella ha anche un attestato di informatica P.O.N. misura 6, fa punteggio?
    Grazie, Maria

  53. valentina ha detto

    Ragazzi volevo sapere come calcolare i punti per la valutazione dei titoli.
    Io ho un diploma di laurea che vienne calcolato 2 e poi il diploma devo calcolarlo in centesimi?

    Grazie

  54. pietra ha detto

    Salve, volevo sapere nella tabella G valutazione dei titoli per assistente amministrativo
    - “titolo di studio di accesso” con diploma di ragioniere e perito commerciale 48/60 che punteggio devo riportare ?
    - in “Modalità di accesso” avendo segnato la A che punteggio va riportato ?
    - in “Punteggio titoli culturali” devo riportare diploma + attestato di qualifica ? con che punteggio ?
    - la patente B per assietnte amministrativo va riportata ?
    Ciao e grazie

  55. Faby ha detto

    Salve, posso fare domanda come collaboratore scolastico con il titolo di ragioniere programmatore?

  56. Giorgio Maria ha detto

    Salve, chiedo un aiuto per evitare di sbagliare la compilazione “dell’allegato D”
    e faccio le seguenti domande?

    1)Ho conseguito il diploma di maturità tecnica presso un istituto tecnico industriale e la dizione esatta del diploma è “Perito industriale capotecnico – con specializzazione in Elettrotecnica ed Automazione” che codice titolo(sia per AT), riferendosi al file “all4_prot10945″ corrisponde al mio tipo di diploma?? Devo specificare il codice del tipo di laboratorio in relazione al tipo di diploma?

    2)Essendomi diplomato con 62/100 quale è il punteggio corrispondente (per me totale,visto che sono alla prima esperienza di tutto) da scrivere nella colonna “punteggio titoli culturali” e conseguentemente nella colonna “punteggio totale” a pag. 9 dell’allegato “D” sia per le righe AA che per AT?Si devono compilare entrambe i righi della colonna “punteggio totale” corrispondenti alla voce AA e AT?

    3)Non ho effettuato il servizio militare perchè riformato ma non per motivi che comunque mi rendono inabile al lavoro (leggero piattismo),devo specificarlo o in base al DPR 693/1996 art.2 comma 4 sono impossibilitato a partecipare AL CONCORSO?

    4)MA dove si trova l’allegato “C”, da dove si desumono la corrispondenza dei titoli e le aree di laboratorio?

    5)sono laureando in ingegneria elettrica (affine al mio tipo di diploma); potrebbe creare punteggio in qualche modo?

    6)Ho svolto il Servizio Civile Volontario,potrebbe creare punteggio in qualche modo?

    Grazie

  57. sandra ha detto

    salve, ho preso 41/60 alla maturità, quanto vale per AA e CS?
    la patente B fa punteggio?
    grazie

  58. Mario ha detto

    Sezione g: valutazione titoli

    il diploma di “Cucina” dell’alberghiero quanto Vale? 84/100 e dove va inserito il suo valore ?

  59. silvi ha detto

    Buongiorno nel triennio precedente avevo fatto domand di inserimento nelle graduatorie di terza fascia in una provinci diversa da quella che ho inserito ora.Come mi devo comportare devo fare domanda di depennamento.
    grazie

  60. alessandra ha detto

    salve vorrei fare domanda per AA e CS, ho insegnato per 4 anni in una scuola all’estero legalmente riconosciuta, sono solo 1.20 punti per AA e 1.80 per CS all’anno?
    una seconda domanda:sono inserita nelle graduatorie di III fascia dell’anno 2006/2007, cosa devo barrare?Tante grazie e buon lavoro

  61. Mauro ha detto

    Salve, mi sapreste dire il punteggio, ho un diploma di ragioniere e perito commerciale e non programmatore (ha quanto ho capito non posso partecipare come tecnico) di 70/100, patente D + KD e 14 punti d’invalidità ottenuti con un incidente il quale l’imps oggi mi ha congedato dicendomi che i punti ottenuti non sono validi ma è solo hai fini assicurativi…è vero?Ultima domanda se partecipo a questa graduatoria, posso un domani partecipare a bandi comunali ho per tre anni sono impegnato autoescludendomi automaticamente?

  62. sara ha detto

    entro quando si deve presentare? dove?
    ma come funziona? e la mia prima volta che faccio una domanda mi potete aiutare? grazie

  63. Maurizio ha detto

    per Al

    con la maturità scientifica puoi concorrere anche come AT il tuo codice titolo è PS00 ed avraiaccesso all’area AR08 (Fisica)
    Ciao

  64. Angelo ha detto

    Posso fare domanda come collaboratore scolastico avendo l’invalidità del 65%, avendo diploma di scuola media e qualifica di ausiliario vigile della Marina Militare conseguito alle capanelle?

  65. Angelo ha detto

    scusa Capannelle!

  66. ANGELA ha detto

    Volevo sapere quanto vale la qualifica professionale rilasciata dalla regione DGR 995/05 (possiedo anche il diploma magistrale),la certificazione IC3 ,idoneità come insegnante scuola guida .Inoltre sto prestando servizio in qualità di docente in una scuola dell’infanzia non statale autorizzata dal 17/09/2007 al 31/08/2008 quanto mi viene valutato?GRAZIE.

  67. Vincenzo ha detto

    L’abilitazione professionale di dottore commercialista è valutabile come titolo culturale (AA e CS) in altri titoli??

    Avevo un altro dubbio per quanto riguarda mio cognato(CS). E’ in possesso del diploma di qualifica triennale statale ma ha anche svolto servizio come collaboratore scolastico per + di 30 gg. Posso inserire Y nella sezione B1 e nei titoli culturali il titolo di accesso scuola media inferiore e in altri titoli il diploma di qulifica professionale (valutabile 1 pt. ??) ??

  68. Valeria Fariello ha detto

    Cortesemente vorrei sapere se il SERVIZIO CIVILE vale punteggio ai fini della graduatoria personale ATA III fascia. GRAZIE

  69. Pino ha detto

    Al diploma ho preso 46/60
    ho la laurea in economia
    ho il diploma post qualifica in office automation
    vorrei sapere gentilmente che punteggio ho per
    assistente amministrativo
    assistente tecnico
    collaboratore scolastico

  70. Enza Battaglia ha detto

    Ciao! Ho presentato la domanda di ammissione per personale ata nel 2005 per la provincia di Palermo…come è possibile vedere il mio numero in graduatoria?
    Grazie
    Enza

  71. paola ha detto

    vorrei sapere gentilmente il punteggio dei mie titoliche sono :
    1)laurea in pedagogia(vecchio ordinamento)
    2)diploma magistrale punteggio 44/60
    3)abilitazione all’insegnamento nelle scuole elementari(tramite concorso ordinario)
    4)idonietà personale educativo
    inoltre attualmente ho due anni di servizio in una scuola parastatale.
    La ringrazio fin da ora

  72. moon ha detto

    puoi aiutarmi a calcolare il mio punteggio?
    diploma di maturità scienitifica 100/100
    diploma di teoria e solfeggio 7.50/10
    diploma trinity college 10* livello (senza valutazione, solo attestazione di conoscenza lingua inglese).

    Inoltre nn ho ben capito come completare la tabella della valutazione titoli (sez. g). Puoi aiutarmi? GRazie!

  73. Chiara ha detto

    Buongiorno,
    volevo gentilmente chiedervi che punteggio posso avere con:
    1: anni UNO di servizio civile nazionale presso ente locale,
    2: mesi 6 (80 ore lavorative) presso scuola primaria con qualifica di collaboratore esterno,
    3: patente B
    4: diploma maturità 72/100
    5: laurea 95/110
    Potreste darmi i punteggi singoli per ogni punto sopra descritto?
    Grazie mille!!

  74. Titti ha detto

    vorrei sapere se si deve indicare la patente B per i profili AA e CS e dove?
    Fa aumentare il punteggio.
    Inoltre non riesco a trovare la parte con tutti i titoli di cultura valutabili con i codici?
    dov’è?

  75. cristiana ha detto

    ciao sono cristiana,ho un diploma di rag. programmatore ho fatto domanda per ass. tecnico però non capisco quali sono il codice titolo e il codice area professionale? POtete aiutarmi?

  76. arrigo ha detto

    per tutti:
    1) il punteggio del titolo si ottiene dal voto finale su base 10. Esempio 41/60 (vecchio ordinamento) sono 6.83 punti, cioè 41 diviso 60 x 100 diviso 10, oppure 75/100 sono 7.5 punti.
    2) la laurea vale 2 punti.
    3) un ulteriore diploma non dà punteggio
    4) attestati di qualifica per la videoscrittura o il trattamento testi col PC 1.50
    5) attestato di dattilografia e stenografia 1 punto
    6) abilitazione in concorso pubblico per posti a tempo indeterminato 1 punto.
    7) la patente non dà punteggio
    8) master o altri diplomi privati non danno punteggio
    9) il servizio militare 0.05 per mese cioè 0.60 punti all’anno (salvo casi particolari e rari).
    10) il servizio come CS da 0.50 punti al mese per il profilo di CS, 0.10 punti al mese per AA o AT.

    Altre info le trovate sul sito del ministero in questa pagina oppure sul mio blog

  77. Ada ha detto

    Salve, sono Ada. Sono laureata con il voto di 110 e lode, inoltre sono abilitata all’insegnamento (SISS) per le classi 043 e 050 con il voto di 79/80, ho l’abilitazione al sostegno ed un corso di perfezionamento e due anni di insegnamento alle scuole superiori.Qual’è il mio punteggio? Grazie

  78. francesco ha detto

    Salve, mi chiamo Francesco, vorrei sapere qual’è il mio punteggio avendo io conseguito il diploma di maturità classica col voto di 52/60 e l’attestato ECDL. Grazie.

  79. Ada ha detto

    Salve,sono Ada vorrei sapere qual’è il punteggio realtivo alle seguenti voci:
    1) Diploma maturità scientifica voto 90/100
    2) Laurea Lettere 110 e Lode
    3) Abilitazione Insegnamento (SISS) classi 43/50A Voto 79/80
    4) Abilitazione Sostegno
    5) Corso di perfezionamento durata annuale
    6) 2 anni di insegnamento presso le Scuole Superiori
    Grazie !

  80. Titti ha detto

    grazie x le risposte ma ho un’altra domanda.
    ho conseguito un attestato di qualifica professionale di Tecnico Amministrativo Contabile rilasciato dalla Regione Abruzzo (anche se non ricordo bene tutte le materie comprese nel piano di studi abbiamo fatto anche la contabilità al PC): concorre ad aumentare il punteggio?????
    sempre nella sezione D – Titoli Culturali all’ultima voce, altri titoli posseduti, si può indicare un altro attstato di qualifica professionale sempre della regione di analista di sistemi??
    grazie mille per le risposte.

  81. Mina ha detto

    salve tutti vorrei chiedere che punteggio ha: il master microsoft office specialist in 1.word, 2.access ,3.Powerpoint e 4.excel);
    grazie …

  82. CHICCA ha detto

    salve,
    devo presentare domanda per co0llaboratore scolastico ed amministartivo ho diplima liceo classico 80/100 sto conseguendo la laurea in giurisprudenza ed effettuato x tre mesi un tirocinio presso uno studio legale,ed ho il trinity attestato di lingua inglese.qual’è il mio punteggio?aver lavorato presso una coperativa x5 anni in una scuola fa punteggio?grazie mille.

  83. barbara ha detto

    ma la domanda dove posso trovarla?me ne mandate una perfavore entro il 31 luglio alla mia meil serenaallstar@hotmail.it

  84. ilaria ha detto

    Volevo chiedere 2 cose :
    - ho prestato servizio civile presso una associazione sindacale quanto mi vale?? e dove devo inserirla nel modulo??
    - per mio fratello, ha prestato servizio civile sostitutivo di quello militare, si deve inserire e come??
    vi prego domani devo preentarla, grazie

  85. francesca ha detto

    Salve sono Francesca, ho qualche domanda da porre.
    Con il diploma di ragioniere e perito commerciale oltre al profilo di assistente amministativo, si può richiedere il profilo di assistente tecnico? Qual’è il codice del titolo da inserire per quest’ultimo?
    Avere lavorato all’INPS tramite agenzia interinale per tre mesi, determina punteggio, da inserire dove?
    Nella sez. G – valutazione titoli, pag 9 di 12, il punteggio del diploma 40/60 che in decimi corrisponde a 6.67 è questo il punteggio da inserire?
    Grazie

  86. arrigo ha detto

    x barbara:
    il decreto e gli allegati, compresa la domanda (allegato D in formato PDF) si trovano sul sito del ministero.

  87. luca ha detto

    Ciao,
    io mi sono diplomato come Perito Tecnico Industriale con specializzazione Elettronica,
    volevo sapere qual’è il codice relativo al mio diploma?
    Grazie

  88. Amalia ha detto

    Salve sono Amalia,
    non riesco a comprendere la tabella di valutazione:
    vorrei sapere qual’è il mio punteggio per “Assistente Amministrativo”, avendo conseguito il diploma di maturità (ragioneria) col voto di 46/60.
    Sono in possesso di patente “B”, vorrei sapere il relativo punteggio.
    Grazie
    P.s.: Ho tempi strettissimi e mi scadono i termini, gradirei una risposta velocissima. Ancora Grazie.

  89. Bernardino Tirri ha detto

    Per Amalia :
    - il voto 46/60 corrisponde a punti: 7,67;
    - qualsiasi tipo di patente non da diritto a punteggio.

    INVITO A TUTTI I VISITATORI DI QUESTO BLOG:

    IL BLOG E’ STATO PENSATO PER METTERE IN RELAZIONE TUTTI I SUOI VISITATORI.

    VOLENDO, CHIUNQUE E’ IN POSSESSO DI NOTIZIE UTILI, CHIARIMENTI, RISPOSTE A QUESITI, PUO’ METTERLI IN COMUNE, UTILIZZANDO DIRETTAMENTE LO SPAZIO “Lascia una Risposta”.

    PURTROPPO IO NON SONO PIU’ IN GRADO DI SODDISFARE LE RICHIESTE,
    PERCHE’ SONO CENTINAIA E, DA SOLO, NON HO IL TEMPO MATERIALE PER OCCUPARMENE.

    IL BLOG APPARTIENE A TUTTI I SUOI VISITATORI, OGNUNO PUO’ INTERAGIRE.

    GRAZIE.

    CORDIALITA’,
    bernardino

  90. tattitella ha detto

    Ciao a tutti se volete essere aiutati nei calcoli guardate il sito
    http://www.cesarinfabio.it/ata/
    inserite i dati e calcola tutto lui.
    Ciao!!!!

  91. maria ha detto

    vorrei sapere se si può fare la domanda di personale ata anche se attualmente si è alle didendenze dell’esercito ma a tempo determinato (V.F.B. in attesa di passare effettivo ma non con sicurezza)

  92. arrigo ha detto

    Concordo con il povero Bernardino Tirri che si è fatto in 4 per rispondere a più gente possibile.

    Ricordo che i codici per i laboratori di AT si trovano nell’allegato C al decreto.
    Per il calcolo del punteggio si fa così:
    si prende il voto e si porta in base dieci, cioè per calcore quanto vale 41/60 bisogna fare la seguente proporzione 41:60 = X:10 (ricordo che il prodotto dei medi è uguale al prodotto degli estremi), e cioè a:b=c:d, considerrando c=x e usando la regola del quarto proporzionale, x=ad/b, cioè 41 per 10 diviso 60, cioè 410 diviso 60 che è uguale a 6,8333333333 periodico. A questo punto, secondo il punto G dell’allegato A, “l’arrotondamento viene eseguito nel seguente modo:
    - se la terza cifra decimale è uguale o maggiore di 5, la seconda cifra decimale va arrotondata al centesimo superiore ( Es. 7,166 va arrotondato a 7,17);
    - se la terza cifra decimale è minore di 5, la seconda cifra decimale resta invariata ( Es. 6,833 va arrotondato a 6,83);”
    Per i voti con il nuovo ordinamento bisogna semplicemente spostare la virgola: 75/100 è uguale a 7,5

  93. arrigo ha detto

    Nel mio blog c’è un elenco di fattispecie nelle quali molti si possono riconoscere, e che consentono di compilare la domanda passo per passo.

  94. arrigo ha detto

    x Maria
    la domanda si può fare sempre, anche se si è alle dipendenze dell’esercito. Anche se si è un docente di ruolo o un militare effettivo.

  95. Bernardino Tirri ha detto

    x Arrigo:

    Ti ringrazio in modo particolare per esserti reso utile a tante persone bisognose di aiuto.
    Sai, il nostro tempo è un tempo difficile, perchè è difficile riscontrare disponibilità.
    Grazie di nuovo,
    bernardino

  96. arrigo ha detto

    x Beranrdino
    sono nelle stesse condizioni di tutte queste persone che hanno bisogno di aiuto per compilare delle domande sempre più complicate per la speranza di un posto di lavoro, quindi avendo un po’ di tempo ho pensato di studiarmi bene il decreto e rendermi disponibile a dare aiuto, ciò che ho provato a fare anche sul mio blog.
    La fortuna è che esistono persone invisibili come voi che dedicano del loro tempo agli altri, ciao.
    P.S.
    la mia domanda l’ho consegnata ieri e spero che vada bene 8)

  97. Bernardino Tirri ha detto

    Per Arrigo:
    La “fortuna”, questa volta, per la disponibilità che hai dato, ti deve qualcosa: vedrai che ti sorriderà.
    Ciao,
    bernardino

  98. mario della rovere ha detto

    salve,
    io ho spedito la domanda di inserimento 3^ fascia ed ho segnato il punteggio 8,60 ottenuto
    come segue : 8.50 per il punteggio diploma di ragioneria (51/60) e 0.10 ottenuto per aver prestato
    due mesi come applicato/dattilografo, tuttavia penso che avrei potuto ottenere un punto ulteriore
    per l’attestato di dattilografia e stenografia che pur avendolo citato nella domanda non sapevo che poteva aumentare il punteggio.
    Vorrei sapere se la scuola pilota rettificherà in automatico il punteggio o devo produrre una correzione?
    Grazie e saluti a tutti
    Mario

  99. arrigo ha detto

    x Mario
    ti consiglio di andare alla segreteria della scuola dove hai presentato la domanda e chiedere se puoi correggerla.
    Il decreto dice che la scuola, nello stilare le graduatorie, tiene conto dei punteggi scritti nelle domande senza verificarne la veridicità, riservandosi poi, nel momento in cui dovessero chiamarti per una supplenza, di chiederti ogni certificato che dimostri il punteggio da te segnato.
    Secondo me, chiedendo cortesemente di rettificare la domanda, magari lì sul posto, portando con te i dati dell’attestato, non dovresti, a meno di incontrare gente senza cuore, avere nessun rifiuto.

  100. Andrea ha detto

    Salve a tutti! Vorrei sapere come faccio a controllare le graduatorie nella provincia di Bologna?

  101. Andrea ha detto

    Salve a tutti! Vorrei sapere, come faccio a controllare le graduatorie per la provincia di Bologna? Grazie…

  102. Sonia ha detto

    Salve! Purtroppo mi sono informata in ritardo…non ho presentato la domanda all’inclusione personale ATA, ora quando sarà la prossima domanda? :’(

  103. immacolata ha detto

    quando uscirà la graduatoria della 3 fascia? E come faranno le scuole a stabilire se nno uscirà prima che inizziano le scuola? sono 1 collabboratore scolastico che ha lavorato dal 2006

  104. marco ha detto

    ciao a tutti ank io ho fatto la domanda per supplenza ATA di 3 fascia,c’è qualcuno che mi sappia dire quando usciranno le graduatorie per la città di torino?o usciranno tutte quelle nazionali?grazie mille

  105. Alfredo ha detto

    ho fatto la domanda di inserimento nelle graduatorie di circolo e di istituto di 3° fascia per il triennio scolastico 2008/09, 2009/10, 2010/11 ma non so come visualizzare le graduatorie.
    Qualcuno mi può aiutare??
    grazie per la disponibilità.

  106. alessandro ha detto

    salve, ankio ho fatto la domanda per l’iserimento nelle graduatorie di 3 fascia ATA,c’è qualcuno che mi sappia dire quando usciranno le graduatorie per la provincia di Treviso?grazie

  107. rosa ha detto

    HO fatto domanda inserimento di circolo d’istituto terza fascia per triennio scolastico 2008/09,2009/10,2010/11 con punteggio 15,50 collaboratore scolastico’come visualizzo la mia posizione come supplenza”mi potete aiutare….grazie

  108. arrigo ha detto

    x Sonia: queste graduatorie saranno valide per il triennio 2008/2011, quindi la prossima domanda non sarà prima del 2011.

    x tutti: è molto probabile che le graduatorie siano pronte non prima di dicembre. Nel 2005, la stessa domanda che però non comprendeva il profilo professionale di collaboratore scolastico, aveva scadenza il 19 luglio 2005 e le graduatorie furono pronte a dicembre, le scuole chiamarono per le assunzioni fino a gennaio 2006. Quindi non è il caso di illudersi.
    In assenza di graduatorie, le scuole stanno aspettando comunicazioni dal ministero, ma nel frattempo si basano sulla “messa a disposizione” che i candidati fanno presso le segreterie (fatelo). Le graduatorie provinciale dell’anno scorso redatte dagli USP attraverso le domande pervenute ai Centri per l’Impiego Provinciali, in base al reddito, avevano la durata di un anno (come gli ISEE, in base ai quali sono state fatte), quindi sarebbero scadute.
    Secondo il mio personalissimo parere, ogni scuola potrebbe chiamare le persone che hanno presentato domanda nella loro segreteria, probabilmente quelli che hanno il punteggio maggiore, ovviamente. Molte scuole infatti, hanno già valutato le domande, se ne avevano poche, ma non tutte visto che in provincia di Milano pare che ne siano state prodotte circa duecentomila, vale a dire mille per scuola.
    Sul mio blog, stò tenendo d’occhio la situazione.

  109. arrigo ha detto

    Il ministero dell’Istruzione ha emanato la nota n. 13561 sulle assunzioni a tempo determinato fino alla nomina degli aventi diritto.
    Riassumendo, i criteri di assunzione per le scuole sono i seguenti:
    la riconferma del personale assunto nell’A.S. 2007/2008 e ove fosse necessario il ricorso alle graduatorie dell’ottobre 2007 dei Centri per l’Impiego.
    Questi criteri valgono anche per le supplenze temporanee del personale assente.

  110. isa ha detto

    E’ vero ke x chi ha occupato dei posti vacanti fino al 31/08/08 ha il diritto di essere confermato a scuola fino agli aventi diritto della 3°fascia? grazie

  111. Domizia ha detto

    Pareri contrastanti da parte delle scuole sulla mia situazione…
    Mi sono depennata dalla grad.di prima fascia di Torino come ass.tec. per presentare domanda in terza fascia a Messina (..me ne pentirò???). Nell’attesa che pubblichino ste benedette graduatorie di terza fascia (e come dice ARRIGO, sicuramente nn prima d dicembre), le scuole di Torino mi stanno convocando dalla grad. di terza fascia del 2005 ai sensi dell’art.40, ovvero fino all’avente diritto. Fin qua sessun problema, ma nn appena metto in chiaro il fatto di essermi depennata dalla prima fascia x presentare domanda in terza di un’altra provincia, iniziano a far storie..Ma non tutti! Il Direttore di una scuola di Giaveno insiste che posso accettare l’incarico art.40 nella sua scuola, un’amministrativa di una scuola di Susa invece insiste del contrario invitandomi a leggere l’ordinanza a pag.6….Telefono al CSA uff.pers.ATA di Torino e forse causa “cazzeggio”, al tel non mi rispondono… che faccio?? :( Se parto e poi non mi spetta questo incarico??

  112. arrigo ha detto

    questa nota del MIUR chiarisce i tuoi dubbi.

  113. Bernardino Tirri ha detto

    Grazie Arrigo per l’aiuto che mi stai dando.
    bernardino

  114. Luisa ha detto

    Vorrei Sapere come fare per controllare le graduatorie della 3 fascia provincia Roma

  115. Gegè ha detto

    Salve Arrigo, io ho presentato la domanda nel Veneto per la terza fascia e ho appena letto il tuo consiglio riguardo alla domanda della messa a disposizione da inviare alle scuole(forse sono in ritardo???). La si può fare anche per la posizione di assistente amministrativo o solo per il collaboratore scolastico?
    Forse è tardi ma spero in una tua risposta. Grazie.

  116. ale ha detto

    ciao a tutti. Qual’è il mio punteggio avendo fatto domanda per AA e CS avendo un diploma come “TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE” con votazione finale di 42/60? Inoltre ho frequentato un corso come “TECNICO INFORMATICO” MA L’ESAME FINALE è PER LA PROSSIMA SETTIMANA.Quando sarà possibile prendere visione delle graduatorie? grazie.

  117. ste ha detto

    ciao sapete se è uscita la graduatoria del personale ata per l’anno 2008/2009?

  118. arrigo ha detto

    x gegè,
    mi dispiace, solo ora vedo che mi hai interpellato, sono un utente come altri e passo solo saltuariamente di qua. Spero che tu abbia fatto la domanda di messa a disposizione, anche per gli altri profili.

    Seconda la nota ministeriale nota n. 15772, le graduatorie definitive dovrebbero essere pronte per il 31 ottobre.
    In ogni caso consiglio il sito di orizzontescuola.it dove c’è questo forum molto frequentato dove si possono avere molte informazioni. Bisogna solo avere un po’ di pazienza per visitare i tanti topic presenti.

  119. arrigo ha detto

    x ale,
    se hai fatto domanda e non ti ricordi il punteggio, telefona alla scuola dove l’hai presentata.
    42/60 sono 7,00 punti che valgono solo per il profilo si AA o AT. Bisogna vedere se hai anche titoli di servizio.
    Qualsiasi diploma, per essere conteggiato, deve essere conseguito prima del 31 luglio 2008.

  120. francesca ha detto

    ciao, che vuol dire che bisogne dare la disponibilità presso la scuola dove ho consegnato la domanda per personale ata

  121. arrigo ha detto

    x francesca,
    se volevi lavorare fino alla nomina degli aventi diritto, nel Veneto, bisognava consegnare la domanda di “messa a disposizione”, cioè un carta in cui dichiaravi nome e cognome, punteggio presentato nella domanda di terza fascia e che eri disponibile per eventuali supplenze.
    Però la scadenza era il 13 settembre 2008.

  122. Antonietta ha detto

    Ciao, compilando la domanda ho indicato come titoli posseduti, sia il diploma che l’attestato di qualifica professionale conseguito. Evidentemente non avevo letto l’allegato A/1 che richiedeva, ai fini della validità dell’attestato di qualifica professionale, “Attestato di qualifica professionale di cui all’art.14 della legge

    845/78, attinente alla trattazione di testi e/o alla gestione

    dell’amministrazione mediante strumenti di videoscrittura o

    informatici “. L’ho scoperto quando dalla scuola in cui avevo presentato domanda, mi hanno telefonato e mi hanno informato…mi hanno di conseguenza detto che stando così le cose non potevano farmelo valere. Quello che non ho capito é: non mi vale solo il titolo (quindi non mi aggiungono 1,50 punti) o l’intera domanda é per questo considerata nulla? Vi prego, rispondetemi: non ci dormi più la notte. Grazie

  123. luca ha detto

    cmq io spero ke si smuovano a mandare le chiamate entro dicembre perchè ho bisogno di lavorare ciao fatemi sapere luca da siracusa(sicilia)

  124. angela ha detto

    si possono sommare al fine della valutazione del punteggio periodi di servizi anche nn continuativi fatemi sapere al più presto grazie

  125. arrigo ha detto

    x Antonietta, non credo che ti annullino la domanda, semmai fai ricorso. In ogni caso, ti consiglio di chiamare la scuola e chiedere direttamente a loro, anche perché sono loro che valutano le domande e inseriscono i dati nel sistema informatico del ministero, ed è sempre la scuola l’ente al quale si fa ricorso in prima istanza, poi il TAR.

    x Angela, certo che si possono sommare.

    Le graduatorie sono già uscite in qualche città, come Belluno. Comunque a questo indirizzo del sito del ministero si possono visualizzare la posizione e il punteggio, ma bisogna registrarsi.

  126. MARIA ANTONIETTA ha detto

    NON RIESCO A TROVARE LA GRADUATORIA DEL PERSONALE ATA O DELL’OPERATORE SCOLASTICO DI PRATA PRINCIPATO ULTRA AV VORREI CHE MI INVIASSI UN INDICAZIONE CIAO…….

  127. Gegè ha detto

    ciao, sono alquanto demoralizzata…
    qualcuno mi sa dire com’è la situazione per le graduatorie in Veneto? In particolare Vicenza?
    Grazie.

  128. francesco ha detto

    buona sera, sono disperato x la seguente questione: sono uscite le graduatorie di 3^ fascia e ho appreso che non mi è stato valutato un titolo di attestamento professionale,quindi le chiedo :
    un attestao conoscenza di base rilasciato dalla Provincia come “Opetarote Personal Computer” di un corso di durata di 40 ore è un titolo valutabile? 1 punto grazie la prego di risponde con urgenza visto chè ho solodieci giorni x il reclamo

  129. Bernardino Tirri ha detto

    x Francesco
    Il titolo di cui al quesito è valido per attribuire punteggio solo se trattasi di graduatoria di Assistente Amministrativo e di Collaboratore Scolastico.

  130. Francesco ha detto

    Salve, volevo sapere, l’attestato di operatore telematico mi permette di fare la domanda come AT? Se si posso mettere il diploma di scuola media più l’attestato, o devo mettere per forza il diploma di maturità più l’attestato?Inoltre in questo profilo va calcolato anche il servizio militare? se si, con quale punteggio?
    L’ecdl quanti punti in più da?
    Grazie mille.

  131. giuseppe ha detto

    gentile urp sono un ass tecn ,area ar02/08 che ha fatto il cambio provincia da milano a napoli con punteggio maturato in 6 anni da 2002 al 2008, di 47.75. Con l’O.M.vigente inseredomi in 3 fascia mi e’ stato cambiato il punteggio in meno come e’ possibile?mi e’ stato tolto i punti della licenzia media e dell’attestato di qualifica,e’ previsto che nn possa perdere il vecchio punteggio?ho letto che se non possiedo nessun titolo d’accesso previsto dall’attuale ordinanza ministeriale potrei far valere il mio precedente punteggio e’ vero?e se e’ vero a quale art. o norma posso fare riferimento?
    grazie attendo risposta

  132. arrigo ha detto

    x giuseppe:
    E’ cambiato il punteggio perché sono cambiati i criteri per valutarlo, soprattutto per quanto riguarda i titoli culturali. Nelle prefazioni al decreto che trovi ad inizio pagina, è spiegato il motivo per cui sono cambiati i criteri di valutazione.

  133. Gegè ha detto

    Ciao a tutti,
    scusate ma una volta uscite le graduatorie di terza fascia come faccio a sapere qual’è la % di possibilità per poter essere chiamata?
    Per esempio se in una scuola sono al posto 150 che possibilità ci sono?
    Dipende anche dalle graduatorie di seconda fascia?
    Vi prego rispondetemi presto. Sono curiosa.

  134. Pia ha detto

    Salve. Ho lavorato per circa un anno presso il 118 come volontaria. Ho diritto ad un riconoscimento in termini di punteggio? Grazie.

  135. Bernardino Tirri ha detto

    X Pia

    Il servizio di volontariato presso il 118 non da diritto a punteggio

  136. andrea ha detto

    salve ho letto la graduatoria che e’ uscita di 3° fascia,premesso che ho iniziato a lavorare come ass. tecnico da meta’ dicembre 2007 fino al 30 giugno 2008 avendo come punteggio 13 punti mai lavorando prima e diplomandomi con 60/100,sono stato richiamato a settembre fino all’ avente diritto,ieri ho letto il mio punteggio e mi ritrovo con 9,5 punti,ora mi domando hanno sbagliato ad iserire la mia domanda 3 anni fa’ con 1 punteggio sbagliato ed ora mi hanno ricalcolato il punteggio inserendo i mesi che ho lavorato cioe’ da dicembre a giugno,oppure hanno sbagliato ad inserirla ora??chi mi sa dire qualcosa?cosa mi consigliate di fare??
    grazie
    andrea

  137. Polpy ha detto

    x Andrea
    Ciao! Potresti essere così gentile da includere il link dove poter visualizzare le graduatorie??? Grazie infinite!

  138. alessandra.zaccardini ha detto

    sono alessandra,collaboratrice scolastica,ho lavorato 8 mesi in un istituto,poi riconfermata,nella stessa scuola…altri 4 mesi .la mia domanda è un pò complicata,x chè sono rientrata nel 2008 in 3 fascia dopo aver lavorato 30 giorni,compilando la domanda quella da consegnare entro il 31 luglio …cosè successo? purtroppo di 30 scuole inserite nn so ,o per digitazione o per errori meccanografici,nel ricorso dei 10 giorni mi sono recata nella scuola in cui è stata protocollata,avevo invece di 30 scuole ,bensì13 ….mi hanno detto adess nn la possiamo correggerla x chè manca la persona addetta x di più mi hanno detto la chiamiamo noi!!!si mi hanno chiamato ma era troppo tardi x correggerla !!!!!!!!!!con le urla della preside…sono uscita come una che lemosinava nn è giusto!chiedo i miei diritti anche se è tardi..cosa bisogna avere coe priorità x fare questo tipo di lavoro c.s ? ho la 104 , sno vedova ,ho 2 bambini a carico ,ho i requisiti di 3 media ,ho 10 come punteggio,e adesso vengo licenziata,il 12 feraio,nn sono un avente diritto?cosa devo fare se la mia domanda di 3 fascia è stata digitata con errori ,sensa aver potuto fare il ricorso per mancanza della persona addetta? io adesso mi troverò senza un lavoro x una preside che urlava …basta il ricorso è fintoooooooooo!!!!!!!!!!!!!!nn è giusto,che ne sa lei la sig. PRESIDE DELLA MIA SITUAZIONE? SI Cè UNA GRADUATORIA è VERO ,MA NN MI è STATA PERMESSO DI CORREGGERLA X MANCANZA DEL PERSONALE CHE DOVEVA CORREGGERE GLI ERRORI …A ME NESSUNA OPPORTUNITà?QUESTA è LA SCUOLA DEL FUTURO CHI VUOL LAVORARE COSA DEVE FARE?DAEMI UNA SPIEGAZIONE ,PER FAVORE NN è GIUSTO,HO BISOGNO DI UN POSTO CHE MI ASPETTA COME TUTTE LE PERSONE CHE NE HANNO DIRITTO,SCUSATEMI MA è BRUTTISSIMO ADESSO X UN SBAGLIO ANALE PERDERE UN POSTO DI LAVORO PER LE URLA DI UNA PRESIDE ….MI SCUSO MA N LO TROV PER NINTE GIUSTO. GRAZIE ….ROMA 2 FEBRAIO 2009.

  139. rosellina ha detto

    salve sono un assistente amministrativo alle prese con le convocazioni per la sostituzione del personale con le nuove graduatorie di III fascia, vorrei sapere se un c.s. con supplenza annuale conferita dall’ USP fino al 31/08/02009,puo’ accettare una supplenza come ass.te amm.vo dal DS presumibilmente al 30/06/09.In questo caso che fine farebbe il 30 giugno nel caso di mancata proroga al 31/8/09?

  140. Giuseppe ha detto

    Cara Alessandra, aggiungere altre scuole dopo i termini di opposizione del ricorso sulle provvisorie è molto difficile, purtroppo nel ricorso dovevi chiaramente indicarlo. Comunque non tutto è perduto, in quanto se vogliono, nella scuola madre tramite rettifica potrebbero comunicare la tua posizione alle scuole ove non sei stata inserita, similmente è possibile anche per il punteggio chiedendo il ricontrollo alla scuola madre ovvero alle scuole che ti potrebbero convocare in occasione di supplenze temporaneee. A questo punto consiglio di portare sempre dietro la copia della domanda presentata a suo tempo nella scuola madre.

  141. Lella ha detto

    Per Rosellina – nella provincia di Bologna molte scuole hanno dato la possibilità di lasciare senza problemi supplenza annuale al 31/8 addirittura anche per contratto in attesa dell’avente diritto per profilo as.amm/vo o tecnico, quindi con alto rischio per il prosieguo della supplenza( conferma fino al 30/6). Personalmente credo, anche leggendo attentamente i vari commi dell’art.7 del Regolamento supplenze ata, che non sia possibile;a suffragio ricordo che per il personale a tempo ind/to sono servite regolamentazioni contrattuali e non solo, anche interventi ministeriali per consentire che i coll. scol. di ruolo potessero accettare supplenze in attesa av.diritto! Buon lavoro

  142. Francesco ha detto

    l’attestato di operatore telematico dà l’accesso all’area ar02?

  143. annamaria sgarlata ha detto

    Salve, scusate per la banalità della domanda, ho fatto il concorso per il conferimento supplenze temporanee del personale amministrativo, tecnico ausiliario – domanda di inserimento nelle graduatorie di circolo e d’istituto di 3 fascia per i profili di assistente amministrativo, assistente tecnico, cuoco, infermiere e guardarobiere presso il Liceo Classico D. Cirillo Via ettore Corcione Aversa (CE) 81031 – Domanda presentata il 16.11.2001. Non sono in grado di sapere nulla di questo concorso, se cè stata una graduatoria se esiste una graduatoria permanente ho fatto varie ricerche ma con esito negativo potete aiutarmi? Grazie.

  144. alessandra belluzzo ha detto

    vorrei sapere il mio punteggio

  145. ANNARITA ha detto

    Buongiorno. Ho frequentato un
    corso di laboratorio di programmazione e controllo delle amministrazioni
    pubbliche,della durata di 44 ore,presso la facoltà di economia dell’ Università
    degli Studi di Cassino (FR) ricevendone regolare attestazione. Posso
    considerare tale attestazione nel calcolo del punteggio per l’inserimento nelle
    graduatorie di terza fascia per il ruolo di assistente amministrativo? Quanto
    vale? Grazie.

  146. cristina ha detto

    ciao io non ho mAI LAVORATO NELLE SCUOLE MA MI PIACEREBBE INIZIARE PER FARE DOMANDA (NELLE SEGRETERIE)DEVO ASPETTARE IL 2011
    vOLEVO SAPERE AVENDO LAVORATO SOLO IN UN’AZIENDA PRIVATA E MAI NEEL SCUOLE IL MIO PUNTEGGIO è DATO SOLO DAL DIPLOMA?
    NON HO SPERANZA DI ENTRARE? CIAO

  147. Massimo ha detto

    Ciao, ho una laurea di primo livello in Jazz, nonchè un diploma di ragioniere e perito commerciale, come faccio ad entrare in graduatoria per le supplenze e per il personale ATA? cosa mi potete dire della messa a disposizione? C’è da fare una richiesta istituto per istituto, o a livello provinciale? Si può fare richiesta in più province?
    Sapreste dirmi qualcosa anche sull’insegnamento di sostegno? Come mai c’è gente che fa l’insegnante di sostegno senza aver frequentato corsi abilitanti o specializzanti?
    Grazie

  148. rosa ha detto

    Ciao- Vorrei sapere la mia graduatoria della 3° fascia,quando bisogna fare l’aggiornamento? grazie

  149. rossella ha detto

    vorrei sapere come fare per sapere la graudatoria della terza fascia e come bisogna fare l aggiornamento distinti saluti

  150. lavinia marrali ha detto

    Vorrei come fare per sapere con quale punteggio chiamate e con quali requisiti per la graduatoria di assistente amministrativo della terza fascia distinti saluti

  151. DEBORA ARFO' ha detto

    Salve vorrei sapere la graduatoria di terza fascia come assistente tecnico di cucina a roma,il punteggio e i requisiti con i quali chiamate.Distinti saluti

  152. CARMEN ha detto

    SALVE MI CHIAMO CARMEN STO FACENDO LA DOMANDA PER L’INSERIMENTO NELLA TERZA FASCIA PER IL PERSONALE ATA VOLEVO SAPERE SE IL SERVIZIO CIVILE VALE E QUNTO? E POI LA VALUTAZIONE DEL MIO DIPLOMA CHE E’ 60/100, E L’ATTESTATO DI QUALIFICA PROFESSIONALE AI SENSI DELL’ART.14 LEGGE 845/78,PER MIO FRATELLO VOLEVO INVECE SAPERE SE CON LA TERZA MEDIA PUO FARE LA DOMANDA COME COLLABORATORE SCOLASTICO ED IL VOTO QUANTO VALE (SUFFICIENTE)?
    GRAZIE
    DISTINTI SALUTI

  153. Roberta ha detto

    CIAO SONO ROBERTA,
    VOLEVO SAPERE SE CON LA LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE POSSO FARE LA DOMANDA ANCHE COME ASSISTENTE TECNICO. GRAZIE MILLE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: