I Resistenti, con il Sud

Percepire il vero senso e la straordinarietà di quello che è successo

Posted by Antonio su ottobre 27, 2007

di Bernardino Tirri

 

 

Gentile e stimatissima Melina,

direi che, in linea di massima, sono d’accordo su quasi tutte le tue valutazioni puntuali e circostanziate. Sull’assenza delle condizioni naturali che non favorirebbero il cambiamento che tu paventi, se ho ben capito, però, ho una convinzione diversa.

A pensarci bene, non è tanto l’idea che ho che mi diversifica dalle tue considerazioni, quanto lo straordinario risultato che è stato posto nelle nostre mani come obolo da far fruttare. È quello che è, non ciò di cui sono convinto, che mi fotografa una realtà incoraggiante, di là delle più rosee previsioni, anche mie, che da il sostegno giusto, a mio parere, a quello che mi accingo ad esprimere. D’altronde, la tua elezione alla costituente nazionale che ci inorgoglisce in una maniera che mai potrai immaginare quanto grande sia, è la prova più provata dell’investimento giusto e della giustezza delle valutazioni e convinzioni rispetto a quello che Franco Maselli va dicendo da qualche anno a questa parte.

 

Il dato che io rilevo, è che nella testa delle persone si è fatto spazio il pensiero che, se non si prende coscienza delle proprie responsabilità e, di conseguenza, non si assumono anche gli atteggiamenti e gli atti corrispondenti, non ci si può più nemmeno lamentare.

 

Questa presa d’atto, di per sé, in questa provincia, da un peso sostanzioso alla validità della proposta politica di “Democraticamente Insieme” che è sfociata, poi, nel cosiddetto documento dei coraggiosi campani di Vietri (SA) che ha fatto proprio le tesi formulate da Maselli già nel turbinoso congresso provinciale della Margherita, sposate, spiegate e sottoscritte poi anche dagli altri. È bastato che la gente avesse la percezione che ci potesse essere qualcosa di diverso, un progetto nuovo senza fronzoli o alchimie mentali – dovute più ad una esaltazione spropositata di se stesso che alla caratura della validità delle formulazioni iperuranie vaticinate – da far coagulare intorno ad una tesi politica semplice e corrispondente alle esigenze della collettività il consenso di cui “questi avanguardisti da strapazzo”sono stati onorati.

 

Per questo motivo, non vorrei che noi cadessimo in un errore di presupposto. Se il dato inizialmente posto al vaglio della considerazione non dovesse corrispondere al riferimento reale, rischieremmo, senz’altro, di approdare ad una sintesi non proprio veritiera.

 

La considerazione che a mio avviso dovrebbe essere posta alla base dell’analisi, dovrebbe essere proprio quella che tu rilevi con fredda e distaccata lucidità, portandola a sostegno del tuo ragionamento, “In irpinia…gli apparati politici precostituiti sono ancora molto radicati sul territorio specie quello a bassa densità demografica dove la comunità, rurale in particolare, è facilmenteassoggettabile – dal politico potente. Il voto, e lo si è visto anche per noi, non è ancora espressione libera della volontà popolare”.

 

Se ci soffermassimo a valutare un po’ questa tua sacrosanta considerazione e la rapportassimo al valore, ad esempio, del numero dei voti che ti hanno spinta a Milano nella Costituente nazionale del P.D., al contesto territoriale, alle difficoltà che la gente ha dovuto superare nell’esporsi, alle pressioni incessanti di cui è stata fatta oggetto, alle minacce che più di una volta ha dovuto subire ed alle conseguenze che ha dovuto sopportare, meglio potremmo percepire il vero senso e la straordinarietà di quello che è successo.

 

Diciamocela tutta, con tutta la franchezza possibile: chi tra di noi tutti poteva minimamente immaginare che “quattro soldi di carne mescolata”, un pugno di ragazzi sconosciuti, donne virtuose si, ma senza agganci e protezioni, senza alcun tipo di sostegno istituzionale ed invise alle ciniche oligarchie partitiche imperanti, potessero rappresentare l’ora della riscossa per una provincia asservita e schiacciata da orde di politicanti per mestiere, di abbuffini e da cortigiani prezzolati?

 

È vero, tanti di noi hanno esposto la propria faccia pulita alle intemperie, al ludibrio delle tante turpitudini dei servi sciocchi aspiranti a diventare i nuovi signori. Pur vero, è, però, che tante persone per sostenere questo sogno impossibile hanno dovuto subire in silenzio e, nel silenzio, nella segretezza del voto, dove è stato possibile – in poche parti, purtroppo – hanno inteso dirci che stanno con noi e ci hanno spronato ad andare avanti senza paura, da “coraggiosi”. È vero, altresì, che anche tanta consolazione abbiamo tutti ricevuto da questa messe insperata che ci ha degnato di stringersi intorno a noi, intorno ad un leader naturale come Maselli che, solo con la sua forza morale, con la sola capacità politica delle sue intuizioni, ha inteso combattere una battaglia di libertà per far liberare in questa nostra povera provincia repressa ed oppressa le migliori e più sane energie da cinquanta anni semplicemente strozzate.

Coraggio, dunque, Melina.

Tu che vai a Milano non sei, né sarai mai sola. Con te porti le nostre ansie, le nostre preoccupazioni, il sogno del 10% degli irpini che si sono stretti intorno a te ed intorno a noi. Tu coraggiosa, timida, discreta, semplice ed innocente, con la pulizia del tuo volto, con i tuoi sani intendimenti, con i tuoi dubbi e le tue poche certezze porti con te i nostri forti e saldi ideali che depositiamo con orgoglio nelle tue mani giovani si, ma sicure. A Milano tu porti anche i nostri cuori carichi di felicità e di soddisfazione per la rappresentanza di cui ci hai onorato di farti carico. In un solo afflato noi ti spingiamo e vegliamo su di te nel mentre ti accingi a percorrere il sentiero della buona politica, con il passo delle persone per bene.

A te, la nostra ambasciatrice, le fortune migliori.

Grazie,

bernardino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: